Stato di crisi a Editoriale Nazionale, Aser (Assostampa Emilia-Romagna): “Accordo approvato dai giornalisti. Polemiche pretestuose”

“I colleghi articoli 2 e 12 hanno deciso di partecipare in maniera solidaristica ai sacrifici che da anni subiscono gli articoli 1 accettando un mese di Cig a testa a zero ore (come da normativa) nell’arco di un piano che prevede 18 mesi di ammortizzatore sociale. Un sacrificio frutto di un lungo confronto e di spirito di collaborazione, con uno sguardo rivolto alla stabilizzazione dei precari”, precisa l’Assostampa.

poligrafici monrif sede

“Lo stato di crisi che partirà a luglio all’Editoriale Nazionale è frutto di un confronto iniziato lo scorso anno tra i Comitati di redazione delle testate del Gruppo (Quotidiano Nazionale, Quotidiano.net, il Resto del Carlino, La Nazione e Il Giorno), uniti in Coordinamento, e approvato dal voto complessivo di tutte le assemblee dei giornalisti”. Lo precisa, in una nota riportata nella newsletter della Fnsi, l’Associazione Stampa dell’Emilia Romagna.

“Continuiamo a leggere comunicati di Associazioni di Stampa, sul cui territorio le redazioni e i giornalisti dell’Editoriale Nazionale insistono solo marginalmente e praticamente mai coinvolte nelle trattative, che si vantano di non avere firmato l’accordo davanti al Ministero, sostenendo che la messa in cassa integrazione anche degli articoli 2 e 12 di questi giornali viola il contratto di lavoro e ne mette in discussione le basi», prosegue l’Aser. 

“Intanto – incalza l’Assostampa – specifichiamo che gli articoli 2 e 12 hanno deciso di partecipare in maniera solidaristica ai sacrifici che da anni subiscono gli articoli 1 (tra cassa integrazione e solidarietà) accettando un mese di cassa integrazione a testa a zero ore (come da normativa, visto che non hanno orario giornaliero di lavoro) nell’arco di un piano che prevede 18 mesi di ammortizzatore sociale (con percentuali variabili a seconda dei mesi) per gli articoli 1. Questo sacrificio, ripetiamo, frutto di un lungo confronto e di uno spirito di collaborazione con gli articoli 1, servirà anche per stabilizzare alcuni colleghi precari e avviare un percorso per migliorare i loro compensi, ad esempio per i siti internet». 

Il piano, conclude l’Aser, «che prevede sì prepensionamenti e tagli alle buste paga, è stato valutato nei minimi dettagli, non è stato firmato a cuor leggero e soprattutto senza tenere conto delle leggi in materia e del contratto di lavoro. Contiene, infine, forme di tutela che l’Aser, così come tutte le associazioni che quotidianamente assistono i colleghi di Qn, Q.net, Carlino, Nazione e Giorno, faranno rispettare anche a costo di metterne nuovamente in discussione i contenuti nel caso in cui l’azienda non metta in atto quanto concordato”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 BRAND ONLINE iscritti ad Audiweb, dato mensile. A maggio sul podio Corriere, Repubblica e ilMeteo

TOP 100 BRAND ONLINE iscritti ad Audiweb, dato mensile. A maggio sul podio Corriere, Repubblica e ilMeteo

Fnsi chiede chiarezza sul futuro della Gazzetta del Mezzogiorno: Giornalisti meritano certezze, il sindacato è al loro fianco

Fnsi chiede chiarezza sul futuro della Gazzetta del Mezzogiorno: Giornalisti meritano certezze, il sindacato è al loro fianco

Gaetano Miccicchè si è dimesso dal Consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup

Gaetano Miccicchè si è dimesso dal Consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup