The Skill con Das-Generali per la tutela reputazionale

A causa della pandemia da Covid 19, cresce il timore dei liberi professionisti per il mancato pagamento delle fatture (64%), ma a preoccuparli sono anche i furti di identità informatica (41%) e l’eventuale esposizione mediatica a seguito di inchieste penali in cui potrebbero essere coinvolti (30%).

Andrea Camaiora

E’ quanto emerge da uno studio commissionato da DAS, compagnia di Generali Italia specializzata nella tutela legale, per ascoltare le esigenze dei liberi professionisti e affiancarli nel nuovo scenario pandemico. Più contenuti i timori per l’aumento delle contestazioni fiscali-amministrative (14%), i possibili procedimenti penali per contagi da Covid (13,2%), la concorrenza sleale di un ex collaboratore (8,7%), o una vertenza di lavoro di un dipendente (6,9%).

“In questo contesto – osserva Roberto Grasso, director & general manager di DAS – abbiamo pensato a una copertura (‘DAS Professionista’) per le spese legali, peritali, investigative e processuali necessarie alla tutela del professionista e dei suoi collaboratori nella risoluzione amichevole di una controversia e per l’azione in giudizio. Abbiamo previsto garanzie di perdite pecuniarie che offrono rimborsi al verificarsi di specifici eventi nell’attività professionale e soprattutto il servizio di consulenza legale telefonica per ottenere pareri e chiarimenti tempestivi da un Avvocato specializzato in materia. Tra le principali novità, se l’assicurato deve difendersi in un procedimento penale, è prevista anche una tutela reputazionale in caso di processi mediatici, grazie alla partnership con The Skill, studio di comunicazione specializzato in questo settore”.

Nello studio commissionato da DAS, sono stati coinvolti 800 liberi professionisti che, da una parte, operano in aree di tipo tecnico (geometri, architetti, ingegneri, etc.) e dall’altra in aree economico, tributarie e giuridiche (commercialisti, consulenti del lavoro, etc.).

Secondo la ricerca di DAS, in caso di controversie, il 41,8% dei professionisti dell’area fiscale-giuridica si rivolge all’avvocato di fiducia dello studio e il 20,7% alle compagnie assicurative. Per quanto riguarda le professioni tecnico-scientifiche, il 35% si rivolge all’avvocato di fiducia dello studio, il 21,2% all’ordine professionale di appartenenza e il 18,2% alle assicurazioni.

Per quanto riguarda la spesa assicurativa media dei liberi professionisti è di 1.147€, le professioni economico-giuridiche spendono di più: 1.347 euro in media. Molti dei professionisti intervistati sottostimano i costi di un eventuale procedimento penale. Secondo il 42% del campione un penale che comprende parcella dell’avvocato, eventuali periti e spese giudiziarie costa tra i 5.000 e i 10.000 euro, il 39% stima un costo inferiore ai 5.000 euro, senza considerare gli ulteriori costi di danno e ripristino reputazionale che DAS, attraverso l’accordo con The Skill, offre in via esclusiva sul panorama nazionale ai propri assicurati.

“Si tratta di una novità importante – aggiunge Andrea Camaiora, Ceo di The Skill -. Per la prima volta, dopo anni di vite e carriere distrutte, da violente vicende mediatico giudiziarie, un autorevolissimo player del settore si preoccupa di dare effettiva copertura al danno reputazionale, fronte che richiede elevati livelli di specializzazione ed esperienza sul campo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Pescanova si affida ad Havas Media Group

Pescanova si affida ad Havas Media Group

Una cuccia contro l’abbandono, con Poldo Dog Couture

Una cuccia contro l’abbandono, con Poldo Dog Couture

Sky Media spinge sulla profilazione: arrivano il Programmatic in TV e l’On Demand data driven

Sky Media spinge sulla profilazione: arrivano il Programmatic in TV e l’On Demand data driven