Sky Media spinge sulla profilazione: arrivano il Programmatic in TV e l’On Demand data driven

Novità rilevanti in area ‘profilazione’ per l’offerta della struttura commerciale di Sky. La concessionaria Sky Media, infatti, ha presentato due opzioni inedite: il ‘Programmatic Guaranteed’ sull’Addressable Free To Air e ‘Audience Cluster su On Demand’. Attraverso soluzioni innovative data driven si porta da un lato il Programmatic in televisione e, dall’altra, si cerca di selezionare i target delle campagne pubblicitarie con ancora più precisione.

Aldo Agostinelli

Aldo Agostinelli, Digital Officer di Sky, ha premesso: “Sky è particolarmente sensibile alle esigenze del mercato e degli investitori e, attraverso la propria tecnologia, consente ai brand di veicolare in modo sempre più puntuale il loro messaggio pubblicitario”. Secondo Agostinelli però ora si è arrivati ad una sorta di svolta: “Sky è il primo e unico broadcaster in Italia in grado di proporre la vendita in Programmatic Guaranteed anche in TV e una soluzione one audience e cross platform tra i canali On Demand e Digital”.

Dentro le due nuove opzioni

In pratica quindi l’offerta Addressable sui canali Free to Air di Sky e sui canali Viacom è ora disponibile anche in modalità Programmatic. E la tecnologia Addressable Free to Air, permette di selezionare i target della campagna attraverso diverse modalità di profilazione, ad esempio per area geografica, per genere e per tipologia di contenuto per pianificare formati display in sovrimpressione durante i programmi dell’intrattenimento, cinema e serie TV. Con la modalità Programmatic Guaranteed, quindi, gli investitori potranno inoltre verificare autonomamente, in qualsiasi momento, l’andamento e le performance finali della loro campagna.

La seconda importante novità introdotta da Sky Media è la “Audience Cluster”, uno strumento che consente di selezionare con ancora più precisione i target delle campagne di comunicazione sull’On Demand , una modalità di fruizione che rappresenta oramai, per alcuni titoli, fino al 70% dell’audience totale. Grazie al nuovo Audience Cluster è possibile analizzare le abitudini di visione digital e On Demand degli abbonati e segmentare le audience sulla base dei loro interessi, in modo da affinare ancora di più la scelta dei target verso cui indirizzare una campagna On Demand.

Con Audience Cluster, Sky introduce quindi un nuovo modello di pianificazione pubblicitaria sui contenuti On Demand fruiti da Set Top Box, affiancando alla consolidata logica di contextual/affinity target quella del data-driven planning, che consente di virare il focus della pianificazione adv dal contenuto all’utente.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Pescanova si affida ad Havas Media Group

Pescanova si affida ad Havas Media Group

Una cuccia contro l’abbandono, con Poldo Dog Couture

Una cuccia contro l’abbandono, con Poldo Dog Couture

Iliad sceglie TBWA per raccontare ancora storie vere

Iliad sceglie TBWA per raccontare ancora storie vere