Gaetano Miccicchè si è dimesso dal Consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup

Gaetano Miccichè,  in ragione dei propri attuali impegni e di quelli che prevede di assumere anche nel prossimo periodo, ha deciso di rassegnare, con effetto immediato, le dimissioni dalla carica di consigliere di amministrazione di RCS MediaGroup S.p.A . Lo ha comunicato con una nota il gruppo che “ringrazia il dott. Gaetano Miccichè ed esprime la propria gratitudine per il contributo apportato in questi anni, a partire dall’Offerta pubblica di Acquisto e Scambio del 2016 e, successivamente, quale membro del Consiglio di Amministrazione della Società”.

Il passo indietro di Miccicche’, che ricopre il ruolo di presidente della divisione Imi del Gruppo Intesa SanPaolo e di vice presidente di Praelios, arriva a pochi giorni dalla riunione del board del gruppo editoriale del prossimo 30 luglio, la prima dopo l’esito del lodo arbitrale che ha rigettato le richieste di risarcimento contro il fondo Blackstone sulla vendita dell’immobile di via Solferino, sede del Corriere della Sera.

Gaetano Miccichè (foto
Ansa/Alessandro Di Meo)

Per quanto riguarda il fronte americano, dove si è spostato lo scontro con una richiesta di danni di 600 milioni di dollari da parte Blackstone a Rcs MediaGroup, il caso è stato appena riassegnato al magistrato Jennifer Schecter dopo l’auto ricusazione del giudice Andrew Borrok “ per evitare sospetti di irregolarità basati su alcune recenti interazioni sociali e di altro tipo con alcuni membri di Blackstone”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Giovannini: la trasformazione da Pnrr non deve riguardare solo il settore pubblico

Giovannini: la trasformazione da Pnrr non deve riguardare solo il settore pubblico

Per 3 imprenditori e manager su 10 ‘PNRR’ è un acronimo sconosciuto

Per 3 imprenditori e manager su 10 ‘PNRR’ è un acronimo sconosciuto

Twitter, accordo da 800 milioni di dollari per risolvere una class action

Twitter, accordo da 800 milioni di dollari per risolvere una class action