Travaglio non spara a caso. L’operazione mediatica a male parole contro Draghi

Le sparate di Marco Travaglio contro  Mario Draghi (“figlio di papà” e “non capisce un cazzo”) all’evento di Articolo Uno hanno scatenato  l’informazione italiana schierata, con piccole defezioni (Il Dubbio, Il Riformista, e il sito TPI, ) nel difendere il presidente del Consiglio e a stigmatizzare la volgarità e anche la mancanza di informazioni del direttore del Fatto Quotidiano. Finalmente Travaglio l’ha fatta grossa e, insultando in modo gratuito Draghi, ha dato l’occasione a un attacco di massa di tutti i giornalisti di destra e sinistra, da sempre  cauti nel gestire i rapporti con il grande capo del Fatto Quotidiano noto per non risparmiare nessuno con attacchi e vendette quando viene toccato. 

Marco Travaglio (Foto Fabrizio Corradetti/LaPresse)

Lo scandalo ha ridato fiato anche a chi da tempo si chiede come mai Lilly Gruber continui a dare così tanta visibilità a Travaglio che a Otto e mezzo interviene come un’entità suprema collegato da una postazione di lavoro brandizzata Fatto Quotidiano. La risposta è facile Travaglio “tira” come si dice in linguaggio giornalistico, fa audience grazie ai  simpatizzanti che condividono le sue idee, non solo  i Cinquestelle, ma  anche tra chi lo detesta che trova occasioni su cui polemizzare. E Travaglio sa fare  perfettamente a questo gioco. Cosi come non c’è stato nulla di casuale nell’attacco contro Draghi in un momento di accesa polemica dei Cinquestelle contro la Riforma della Giustizia Cartabia per cui sono arrivati a minacciare la crisi di governo, una manovra per rilanciare e unificare il movimento sotto le bandiere di Giuseppe Conte, di cui Travaglio è un importante consigliere dai tempi in cui era presidente del Consiglio e che non a caso continua a lodare e a rimpiangere.

Marco, I love you – Il tweet di Gad Lerner di sostegno a Marco Travaglio, attaccato per i suoi attacchi a Draghi. Lerner, è sempre più anti padronale, un ritorno a tempi in cui era un militante di Lotta Continua.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Giovannini: la trasformazione da Pnrr non deve riguardare solo il settore pubblico

Giovannini: la trasformazione da Pnrr non deve riguardare solo il settore pubblico

Per 3 imprenditori e manager su 10 ‘PNRR’ è un acronimo sconosciuto

Per 3 imprenditori e manager su 10 ‘PNRR’ è un acronimo sconosciuto

Twitter, accordo da 800 milioni di dollari per risolvere una class action

Twitter, accordo da 800 milioni di dollari per risolvere una class action