Torna il Mia, Mercato internazionale audiovisivo: top player internazionali e due nuove divisioni sul meglio della produzione scripted e unscripted

In sei edizioni, dal 2015, il MIA|MERCATO INTERNAZIONALE AUDIOVISIVO, la cui direzione è affidata a Lucia Milazzotto, si è affermato, anno dopo anno, come punto di riferimento per l’industria nazionale e internazionale, appuntamento di business sempre più importante in grado di anticipare le esigenze del settore in un contesto in rapida evoluzione. Come si legge nel comunicato, con 8.000 presenze on-site e online, nel pieno della pandemia, lo scorso anno MIA è stato uno dei primi esempi di mercato ibrido, capace di offrire un ambiente sicuro dove rafforzare le relazioni globali con i top players dell’industria audiovisiva e scoprire, nei luoghi più straordinari del patrimonio culturale italiano, contenuti di altissima qualità.

La settima edizione si svolgerà dal 13 al 17 ottobre 2021 a Roma nei consueti spazi del Distretto Barberini, all’insegna di un fitto programma di panel, vetrine di contenuti e proiezioni per circa 200 sessioni in quattro giorni. Forte dell’esperienza del 2020, l’attività on-site sarà ancora una volta potenziata e integrata dall’attività online grazie al MIA DIGITAL, la piattaforma che consentirà l’accesso esclusivo a migliaia di utenti, la fruizione digitale di tutte le attività e la possibilità di accedere ad un vasto catalogo di contenuti multimediali inediti.

Con l’obiettivo di continuare ad anticipare le tendenze e i modelli di business del settore e sostenere l’ecosistema in modo efficiente nella prospettiva internazionale, il MIA ha rinnovato l’offerta di contenuti, strumenti di networking e di mercato, attraverso il potenziamento di tre divisioni: Scripted, curata da Gaia Tridente, Unscripted, curata da Marco Spagnoli e Strategic Development affidata a Francesca Palleschi.

Film e Drama, componenti essenziali della divisione MIA SCRIPTED offriranno programmi specifici e trasversali, avvalendosi della guida esperta di un gruppo selezionato di eccellenze del settore, che andranno a comporre i Drama e Film Advisory Board 2021, il Mercato sarà in grado di offrire ancora una volta contenuti di altissimo livello, capaci di rispondere alle nuove abitudini di consumo e ai nuovi schemi di produzione.

Sono già stati confermati nel Drama Board 2021: David Levine, (President of Television, Anonymous Content); Jeniffer Kim, (Senior Vice President, International Originals, HBO Max); Christophe Riandee, (Vice CEO, Gaumont); Mo Abudu, (CEO, EbonyLife Group); David Davoli, (President of Television, BRON Studios); Erik Barmack, (CEO and Founder, Wild Sheep Content); Françoise Guyonnet, (Executive Managing Director TV Series, Studiocanal TV); Anne Thomopoulos, (Partner, Legendary Global); Gaspard De Chavagnac, (Co- Founder and Co-CEO, Asacha Media Group); Laura Abril, (Head of ViacomCBS International Studios EMEA & Asia and SVP all Brands for South Europe and Middle East, ViacomCBS); Carlo Dusi, (Executive Producer & Strategy Director, Endor Productions); Julien Leroux, (CEO and Founder, Paper Entertainment). Alcuni di loro ricopriranno un ruolo chiave anche all’interno del Drama Pitching Forum, insieme a Moritz Polter, (Managing Director, Windlight Pictures); Melissa Myers, (President and Partner, Kinetic Content); Isabelle Lindberg Péchou, (VP of Creative & Development for Dramas, Nucleus Media Rights) e il produttore indipendente e talent manager Philipp Steffens. Tra gli italiani, confermiamo la partecipazione della RAI con la presenza nel Board Drama del Direttore di RAI Fiction Maria Pia Ammirati e di Andrea Scrosati, Chief Operating Officer di Fremantle. Molte altre illustri personalità dell’industria audiovisiva saranno annunciate nelle prossime settimane.

Il Film Board accoglierà quest’anno nuovi prestigiosi membri dagli Stati Uniti come il Presidente di Shoreline Entertainment, Steve Macy; Carolyn Steinmetz (EVP, Head of Content Finance, Motion Picture Group STX Entertainment); Scilla Andreen, (CEO & Co-Founder, IndieFlix Group); Jonathan Kier, (già Presidente di Sierra / Affinity); Maxime Cottray, (VP Finance and Production, XYZ Films); Edoardo Bussi, (VP of International Film Sales, Metro Goldwyn Mayer Studios); Sean Furst, (Co-President of Film & TV, Skybound Entertainment). Formano, inoltre, il Comitato di Selezione Film 2021: Andrea Scarso, (Investment Director, Ingenious Media), Robin Kerremans (Head of International Co-productions, Caviar Content), Tobias Seiffert (Head of International Acquisitions & Co-Productions, TOBIS Films) e Alexandra Hoesdorff (Co-Founder and CEO, Deal Productions).

Visto il successo delle passate edizioni e l’importante riscontro internazionale, in linea con le rapide evoluzioni del mercato, la sezione Doc si rinnova ampliando il proprio orizzonte produttivo e trasformandosi in MIA UNSCRIPTED, per occuparsi di factual e di tutti i nuovi linguaggi dell’audiovisivo che hanno a che fare con la realtà, il suo racconto e la sua interpretazione. Tra gli eventi già confermati, il Doc Pitching Forum che ha ricevuto un centinaio di progetti da tutto il mondo e Italians Doc It Better, il tradizionale appuntamento con il meglio della produzione italiana documentaria. Non mancheranno, inoltre, una serie di attività legate al mondo dell’animazione tra cui uno showcase con il meglio della produzione italiana.

Nel Board Unscripted, come sempre formato da membri prestigiosi, figurano: Marco Berardi, (VP GM Italy, Spain Portugal WarnerMedia Entertainment Networks and Sales – CEO Boing, WarnerMedia); Enrico Bufalini, (Direttore della distribuzione cinematografica, della produzione documentaristica e della gestione, conservazione e valorizzazione dell’archivio storico LUCE, di Cinecittà SpA, Istituto Luce – Cinecittà); Laura Carafoli, (SVP Chief Content Officer Discovery, Discovery); Riccardo Chiattelli, (Content and Communication Director, La EFFE); Pierluigi Colantoni, (Direttore Sviluppo Nuovi Formati, RAI Format); Simone D’Amelio Bonelli, (Content and Creative Director, A+E Networks); Simona Ercolani, (CEO and Producer, Stand by Me); Gabriele Genuino, (Responsabile doc, RAI Cinema); Giovanni Bossetti, (Unscripted & Doc Series Italy, Netflix); Duilio Giammaria, (Director Documentary Production RAI, RAI Documentari); Gloria Giorgianni (CEO and producer, Anele); Simone Isola (Producer, Director, Kimerafilm); Erkko Lyytinen (Commissioning Editor, Yle); Roberto Pisoni (Head of Sky Arte, Sky Italia); Rudy Buttignol (President & C.E.O., Knowledge Network Corporation); Andrea Sassano, (Director Television and Artistic Resources Department, RAI), Dante Sollazzo (Head of Unscripted Originals – Italy, Amazon Studios).

MIA nasce dalla consolidata joint venture tra ANICA e APA, con il supporto di Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ICE (Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane), MiC (Ministero della Cultura), Ministero dello Sviluppo Economico, Regione Lazio, programma MEDIA dell’Unione Europea. I principali partner del MIA sono UniCredit, Fastweb, Fondazione Cinema per Roma, Alice nella Città.

Dal 2015, il MIA ha registrato una crescita dell’84% in termini di presenze e numero di contenuti presentati. L’edizione 2020, grazie ad una nuova esperienza di mercato ibrido, ha registrato un totale di 3.000 presenze on site e 3.000 utenti attivi sulla piattaforma in cinque giorni da 50 paesi (con un incremento del 20% di paesi rappresentati rispetto al 2019), 3.500 views di contenuti in streaming, 620 operatori stranieri, divisi tra on site e online.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cos’ha detto Barbara Palombelli sul femminicidio? Pioggia di polemiche sulle ‘donne esasperanti’

Cos’ha detto Barbara Palombelli sul femminicidio? Pioggia di polemiche sulle ‘donne esasperanti’

Cattelan ‘Da Grande’ su Rai1. Coletta: perfetto per l’Eurovision e un Late Night Show. Fasulo: come Frizzi

Cattelan ‘Da Grande’ su Rai1. Coletta: perfetto per l’Eurovision e un Late Night Show. Fasulo: come Frizzi

Andreatta: Netflix racconta l’Italia lontano dagli stereotipi; nelle nostre serie un Paese tra luci e ombre

Andreatta: Netflix racconta l’Italia lontano dagli stereotipi; nelle nostre serie un Paese tra luci e ombre