Mosca multa Google: Non custodisce i dati in Russia. È la prima volta per il colosso di Mountain View, l'anno scorso è toccato a Twitter e Fb

Condividi

Il tribunale del distretto Tagansky di Mosca ha imposto a Google una multa di tre milioni di rubli, circa 34.400 euro, per non aver custodito in server in territorio russo i dati degli utenti russi: lo riporta una portavoce del tribunale, ripresa dall’agenzia Interfax. Secondo Afp, è la prima volta che Google viene multata con l’accusa di aver violato la controversa legge approvata nel 2014 che richiede che i dati degli utenti russi siano custoditi in Russia. Twitter e Facebook hanno ricevuto multe simili l’anno scorso, mentre LinkedIn è stato bloccato in Russia nel 2016 sempre per questa stessa legge.

(AP Photo/Jens Meyer, File)

Il Cremlino negli ultimi anni ha rafforzato il controllo statale su internet e molti osservatori ritengono la stretta un modo per mettere a tacere il dissenso.