Mercato pubblicitario in forte ripresa a giugno, +34,6%; nei primi 6 mesi +25,7%. Nielsen: Crescita robusta e ormai consolidata

Il mercato degli investimenti pubblicitari in Italia chiude anche il mese di giugno con una crescita sensibile +34,6% rispetto allo stesso periodo del 2020, portando la raccolta pubblicitaria del primo semestre a +25,7%. Se si esclude dalla raccolta web la stima Nielsen sul search, social, classified (annunci sponsorizzati) e dei cosiddetti “Over The Top” (OTT), l’andamento nel periodo gennaio – giugno si attesta a +26,7%. 

“Il mese di giugno conferma la ripresa del mercato pubblicitario, crescita robusta ormai possiamo dire consolidata. Anche in riferimento all’ultimo anno pre covid, il 2019 il gap si riduce (-2,3%), grazie anche agli Europei che hanno visto l’Italia fino alla finale. – spiega Alberto Dal Sasso, AIS Managing Director di Nielsen, I settori che mancavano all’appello tornano ad investire.

Relativamente ai singoli mezzi, la TV è in crescita del +48,1% a giugno  e chiude il primo semestre a +33,2%.

Ancora in positivo anche la stampa con i quotidiani che a giugno crescono del 19,2% (il primo semestre +9,7%) e i periodici del +45,3% (il primo semestre 3,9%).

La radio cresce del 21,7% a giugno e chiude il primo semestre a +22%.

Sulla base delle stime realizzate da Nielsen, la raccolta dell’intero universo del web advertising nel primo semestre dell’anno chiude con un +24,5% (29,3% se si considera il solo perimetro Fcp AssoInternet).

Per qunto riguarda l’andamento dell’Out of home nel 1° semestre, risultano ancora in negativo il Transit, -28,3% e la Go TV, -13,7%, anche se  continuano ad evidenziare, sensibili segni di ripresa. Torna in positivo l’Outdoor che chiude a 6,3%,

Anche il direct mail è in ripresa, il periodo consolidato si attesta a +11%

I fatturati del cinema non sono disponibili.

Tutti i settori merceologici sono in crescita a giugno, il contributo maggiore è portato da  Bevande/Alcoolici (+86,5%), Automobili (41%), Distribuzione (50,4%), Tempo libero (+245,5%)  e Turismo e viaggi (157,3%) che contribuiscono con 75 milioni alla crescita del mese di giugno.

Solo 1 settore è in negativo nel 1°semestre 2021 (Enti/Istituzioni -0,6%).

Relativamente ai comparti con una maggiore quota di mercato, si evidenzia, nel primo semestre, l’andamento positivo di alimentari (+14,4%), automobile (+32,6%), distribuzione (54,8%) telecomunicazioni (+31,3%), abitazione (+25,6%)

Il dato del mercato pubblicitario in robusta ripresa conferma il trend positivo dell’economia nel nostro paese, – continua Dal Sasso – proprio oggi Istat comunica la crescita tendenziale del PIL nell’ultimo trimestre del 17.3% con una previsione migliorativa a fine anno (+5%). L’Italia cresce più velocemente degli altri grandi Paesi europei, e questo è di buon auspicio anche per il mercato pubblicitario che sappiamo essere fortemente ancorato agli andamenti dell’economia. Un autunno con molte novità ci aspetta ma con buoni segnali all’orizzonte.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP SOCIAL KEY PEOPLE. Su Primaonline debutta la classifica dei 5 personaggi più performanti per piattaforma

TOP SOCIAL KEY PEOPLE. Su Primaonline debutta la classifica dei 5 personaggi più performanti per piattaforma

Ronaldo vs Messi, la sfida infinita. La Pulce non è più il giocatore più pagato. Per Forbes in vetta ora c’è CR7

Ronaldo vs Messi, la sfida infinita. La Pulce non è più il giocatore più pagato. Per Forbes in vetta ora c’è CR7

Pmi italiane fanalino di coda in Europa per digitalizzazione. Pessimo anche l’uso di marketing e comunicazione digitali

Pmi italiane fanalino di coda in Europa per digitalizzazione. Pessimo anche l’uso di marketing e comunicazione digitali