G20 a Trieste, Giorgetti e Colao alla riunione sul digitale: Rafforzare risposta su cybersecurity

Sotto un acquazzone estivo è iniziata a Trieste la Riunione dei ministri del G20 sulla digitalizzazione. Il ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti e il ministro per l’Innovazione tecnologica e la Transizione digitale Vittorio Colao, insieme alla Sottosegretaria al Ministero dello Sviluppo Economico Anna Ascani, hanno accolto i delegati alle politiche digitali dei Paesi membri.

Al centro delle sessioni di lavoro – riporta Ansa – la trasformazione digitale delle attività produttive, la crescita economica sostenibile, la digitalizzazione delle micro, piccole e medie imprese, la sicurezza del flusso dei dati, l’inclusione sociale, la ricerca, la regolamentazione agile per favorire l’innovazione, lo sviluppo e l’applicazione di tecnologie innovative.

Il ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti (a sinistra) e il ministro per l’Innovazione tecnologica e la
Transizione digitale Vittorio Colao

Giorgetti: Rafforzare risposta su cybersecurity – Nei giorni  dell’attacco hacker sotto cui è crollata la Regione Lazio il tema della cybersecurity è all’attenzione anche del G20. “Riguardo alla sfida della sicurezza digitale è necessario rafforzare la risposta dei governi” ha detto Giancarlo Giorgetti, ministro dello Sviluppo economico aprendo i lavori.  “Le minacce alla sicurezza e al flusso dei dati possono compromettere il processo di innovazione e rallentare l’adozione di nuove tecnologie. Queste azioni rischiano di minare la fiducia dei cittadini nelle organizzazioni e nella tecnologia”.

Con digitale favorire ripresa resiliente e sostenibile – “L’impegno del G20 sotto la presidenza italiana è cogliere le opportunità per favorire una economia resiliente, dinamica, sostenibile, inclusiva e che non lasci indietro nessuno”. Così il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti nel suo discorso introduttivo al G20 sulla digitalizzazione a Trieste. “La pandemia ha evidenziato i benefici della digitalizzazione per la società e per l’economia, con l’obiettivo di sostenere l’occupazione, la salute e l’educazione. Inoltre, il rapido aumento nell’uso delle tecnologie pone delle sfide per le imprese e per i lavoratori.”, ha aggiunto, precisando che “la trasformazione digitale deve, infatti, favorire l’innovazione dei processi produttovi e garantire allo stesso tempo la formazione dei lavoratori”.

Fit: Mondo scienza non coinvolto – “Stupore” è stato espresso da Stefano Fantoni, presidente della Fondazione internazionale Trieste (FIT), che ha organizzato Esof 2020, Trieste capitale europea della scienza, per il fatto che il “mondo della scienza in città non è stato coinvolto nel G20 digitale”.

“I lavori sono ovviamente politici, vi partecipano diplomatici – ha spiegato Fantoni – ma ci aspettavamo di essere interpellati sui temi o su alcuni aspetti. Ad esempio, cosa ne sanno i diplomatici della ricerca sulle staminali o su altri argomenti analoghi?” D’altronde, “questa kermesse è organizzata qui perché Trieste è stata città capitale europea della scienza”. Fantoni suppone che “i problemi della sicurezza siano tali da consigliare di evitare occasioni di pericolo” però “il G20 poteva essere opportunità anche di eventi a latere per sfruttare la presenza qui di tanti esponenti, un’occasione che forse non capiterà più”.

In questo senso, anche le poche manifestazioni collaterali, come la visita di una delegazione del Brasile con a capo un ministro ieri al Centro di fisica teorica Abdus Salam (Ictp) e un’altra con il Centro di ingegneria genetica e biofisica (Icgeb) che si svolgerà, “ci sarebbero state lo stesso, anche senza il G20 e sono stati i singoli istituti a organizzarle”.

Rimane il fatto che se è stata scelta Trieste per il G20, ha ribadito Fantoni, “non è perché c’è il Porto Vecchio o il Centro congressi ma perché Trieste è stata capitale europea della scienza. Noi, comunque, abbiamo dato tutta la nostra disponibilità”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Musk: Tesla vicina al fallimento 7 volte ed è stato difficile trovare investitori, ma ora andiamo bene

Musk: Tesla vicina al fallimento 7 volte ed è stato difficile trovare investitori, ma ora andiamo bene

Colao: Innovazione è fondamentale, ce la faremo ma bisogna semplificare. Il Pnrr è debito, serve un lavoro di lungo periodo

Colao: Innovazione è fondamentale, ce la faremo ma bisogna semplificare. Il Pnrr è debito, serve un lavoro di lungo periodo

TOP 100 BRAND ONLINE iscritti ad Audiweb nel GIORNO MEDIO. A luglio sempre in vetta ilMeteo, Libero e Corriere della Sera

TOP 100 BRAND ONLINE iscritti ad Audiweb nel GIORNO MEDIO. A luglio sempre in vetta ilMeteo, Libero e Corriere della Sera