Vivendi cede il 7,1% del capitale sociale di Universal Music Group a Pershing Square Holdings per 2,8 miliardi di dollari

Vivendi cede il 7,1% del capitale sociale di UMG a Pershing Square Holdings, gestita da William Ackman, con la possibilità di vendergli un ulteriore 2,9% entro il 9 settembre.

Le trattative erano in corso dal 4 giugno , per l’acquisizione del 10% del capitale sociale di Universal Music Group (UMG) detenuto da Vivendi, prima della distribuzione del 60% del capitale sociale di UMG agli azionisti di Vivendi e della quotazione della società prevista per il 21 settembre.

Vincent Bolloré, Presidente del Consiglio di Sorveglianza di Vivendi (Foto Ansa)

La quota del 7,1% è stata ceduta per un prezzo di 2,8 miliardi di dollari sulla base di un valore aziendale di 35 miliardi di euro per il 100% del capitale sociale di UMG. Ackman ha il diritto di acquisire, entro il 9 settembre 2021, fino adun ulteriore 2,9% del capitale sociale di UMG attraverso fondi da lui gestiti o di cui detiene la maggioranza di interesse economico, sulla base della stessa valutazione. Vivendi ” è molto soddisfatta dell’arrivo in UMG di Mr. Ackman – commenta il gruppo in una nota- un importante investitore americano, che fornisce ancora una volta la prova del successo globale e dell’attrattiva dell’azienda musicale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Musk: Tesla vicina al fallimento 7 volte ed è stato difficile trovare investitori, ma ora andiamo bene

Musk: Tesla vicina al fallimento 7 volte ed è stato difficile trovare investitori, ma ora andiamo bene

Colao: Innovazione è fondamentale, ce la faremo ma bisogna semplificare. Il Pnrr è debito, serve un lavoro di lungo periodo

Colao: Innovazione è fondamentale, ce la faremo ma bisogna semplificare. Il Pnrr è debito, serve un lavoro di lungo periodo

TOP 100 BRAND ONLINE iscritti ad Audiweb nel GIORNO MEDIO. A luglio sempre in vetta ilMeteo, Libero e Corriere della Sera

TOP 100 BRAND ONLINE iscritti ad Audiweb nel GIORNO MEDIO. A luglio sempre in vetta ilMeteo, Libero e Corriere della Sera