Ascolti tv. Nella 2° giornata di Serie A nessun intoppo per Dazn, sconfitta da Sky

Alcun allarme e poche proteste. Niente di paragonabile, per lo meno, a quanto avvenuto dopo il battesimo di Inter-Genoa. Si è svolta senza intoppi clamorosi, almeno a giudicare dalle reazioni social, la seconda giornata del campionato di calcio di Serie A nell’era in cui sono le trasmissioni in streaming ad essere il fulcro dell’offerta tv per gli appassionati.

Tutto è parso scorrere liscio sia con Udinese-Venezia che con Verona-Inter. Il secondo match, in particolare, molto appassionante e vinto in rimonta tre a uno dai nerazzurri, non destava ambasce esagerate essendo l’emissione streaming alleggerita di traffico e responsabilità dalla contemporanea distribuzione del match in condivisione su Sky. Una condivisione che significava pure che c’era la prima occasione buona per misurare la presa delle due piattaforme sul pubblico degli appassionati.

Alcuni dati consentivano di fare qualche confronto, sia pure spannometrico. E’ iniziata infatti ieri, con le rilevazioni di Auditel per i canali Dazn dall’1 al 12, l’era della nuova rilevazione ibrida – meter+analiytics – dell’ascolto del calcio. Ebbene, l’istituto di rilevazione delle audience – dicono i numeri elebaorati da Studio Frasi – ha accreditato tra le 20.45 e le 22.34 al canale Dazn2, che contava sia le prestazioni del match principale sia sul dt che sui timvisionbox, circa 237mila spettatori e l’1,4% di share.

Su Sky, invece, secondo le stime di Studio Frasi, il match ha riscosso 680mila spettatori ed il 3,9%. Vale la pena ricordare che qualche giorno fa, non smentito, Milano Finanza, citando Equita, ha ipotizzato che Timvision abbia raggiunto quota 1,5 milioni di abbonati e che Dazn fosse invece ancora sotto quota un milione. E’ presumibile quindi, su questa base, considerato cioè che il dato TIM valga almeno la metà di quello di DAZN, che l’audience raggiunta da Sky sia stata ampiamente superiore a quella raccolta dalla total audience di DAZN, app+box timvision etc etc, di cui è stato annunciato che il primo settembre saranno disponibili le stime di Nielsen.

Core target Dazn/timvisionbox più giovane di quasi dieci anni

L’analisi dei target di Sky e quella di Dazn by Timvisionbox e dt nella serata di Verona-Inter dice alcune cose interessanti. Dal punto di vista territoriale, ad esempio, emerge il forte radicamento della base abbonati all’ascolto in Lombardia. Non muta di molto, invece, tra una piattaforma e l’altra, la quota di donne. In tema di classi di età, su Sky è smaccata la preferenza degli over 45 e, in particolare, lo share arriva al 21% tra i 55-64 e al 39,5% tra gli over 65. Su Dazn è più bilanciata la forza nelle fasce 25-34 (15,2%), 35-44(17,6%), 45-54 (17,8%), e 55-64 (19,2%). L’età media è di dieci anni più bassa per i ‘daznoniani’.

Due o tre considerazioni ulteriori paiono infine legittime. La prima è che sta fin qui funzionando la campagna di Sky (sconti sul calcio e stimoli a rimanere comunque abbonati) tesa a preservare il proprio parco clienti. La seconda è che certamente DAZN/TIM non ha ancora espresso tutto il proprio potenziale di raccolta clienti. La terza è che, molto probabilmente, chi già dispone delle due offerte, tende comunque a vedere le partite in condivisione su Sky piuttosto che su Dazn. Banale ma necessario ricordare che siamo solo alla seconda giornata. E che ora sarà interessante vedere la stima sulla total audience di Verona-Inter prodotta da Nielsen.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Musk: Tesla vicina al fallimento 7 volte ed è stato difficile trovare investitori, ma ora andiamo bene

Musk: Tesla vicina al fallimento 7 volte ed è stato difficile trovare investitori, ma ora andiamo bene

Colao: Innovazione è fondamentale, ce la faremo ma bisogna semplificare. Il Pnrr è debito, serve un lavoro di lungo periodo

Colao: Innovazione è fondamentale, ce la faremo ma bisogna semplificare. Il Pnrr è debito, serve un lavoro di lungo periodo

TOP 100 BRAND ONLINE iscritti ad Audiweb nel GIORNO MEDIO. A luglio sempre in vetta ilMeteo, Libero e Corriere della Sera

TOP 100 BRAND ONLINE iscritti ad Audiweb nel GIORNO MEDIO. A luglio sempre in vetta ilMeteo, Libero e Corriere della Sera