‘Altre’ Mediaset. Costa: noi leader con le tematiche; focus su Dante e Marte. E annuncia una pausa di riflessione sui brand content

Cultura, eventi, programmi originali e una quota di autoproduzione – nel caso di Focus, ben 80 titoli e 160 ore di contenuti– che non sono sempre la regola per questo tipo di canali. E’ certamente l’aspetto della produzione, il tratto distintivo del bouquet di canali diversi dai più classici generalisti, proposti con sempre più convinzione da Mediaset.

Marco Costa, capo delle tv tematiche di Cologno, e Gian Paolo Parenti, channel manager di Focus, che ospiterà una originalissima produzione su Dante, hanno raccontato stamane – giovedì 9 settembre – le novità della stagione prossima ventura del frazionato ma vitale mondo dell’offerta televisiva ‘ulteriore’ del Biscione.

Un portfolio di 11 emittenti, tra tematiche, semigeneraliste e la generalista 20, che consegna a Cologno l’8,8% di share in prima serata nel 2021 (computo aggiornato al 6 settembre).

Un bilancio che, ha sottolineato Costa, è migliore di quello delle altre proposte paragonabili, di Rai e di Discovery, ma anche di Sky.

Leader multichannel

Il manager ha sottolineato inoltre come, per numerosità e target, i risultati siano in linea con gli obiettivi prefigurati per i canali.

Vale ad esempio per il 2,1% raccolto da Iris, la più anziana delle reti, sul target degli over 55. Ma sono rimarchevoli, secondo Costa, anche l’1,4% raccolto da TopCrime sulle donne 35-64, come il 2,6% spuntato da 20 sugli uomini 25-54 e, nondimeno, l’1,4% sugli over 45 portato a casa da Cine 34, e l’1,2% di Focus sui 35-64.

Terzine e cronache marziane

Tra le novità in arrivo, per celebrare l’anniversario numero 700 dalla morte di Dante, su Focus andranno quindi in onda ben 41 ore e 26 minuti di terzine della Divina Commedia. Una trasmissione senza mediazioni o voci narranti: i testi della Commedia saranno da leggere, mentre scorrono sul video, una terzina dopo l’altra, come non era mai stato fatto nella storia della televisione italiana.

Parenti ha raccontato poi che Focus continuerà a puntare molto sulle dirette evento (un successo quelle sugli ammartaggi degli ultimi mesi, capaci di superare quota 1 milione ed il 4% di share) sintonizzate sulla nuova corsa dell’uomo alla conquista del pianeta rosso e dello spazio.

Bene lo sport su 20, riflessione sui programmi brandizzati e il product placement

In margine alla presentazione virtuale, rispondendo ai giornalisti collegati, Costa si è detto entusiasta del successo ottenuto dallo sport su 20, che veicola le partite delle qualificazioni ai mondiali di calcio, ma anche tante partite della Coppa Italia, di rugby, meeting di atletica leggera e la Formula E. Fase di riflessione e di ripensamento in corso, invece, sui branded content. “Non è uno stop – ha spiegato Costa – ma, dopo avere fatto tanto su questo fronte, ora vogliamo analizzare e valutare meglio l’inserimento di questo tipo di contenuti nella nostra offerta”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Musk: Tesla vicina al fallimento 7 volte ed è stato difficile trovare investitori, ma ora andiamo bene

Musk: Tesla vicina al fallimento 7 volte ed è stato difficile trovare investitori, ma ora andiamo bene

Colao: Innovazione è fondamentale, ce la faremo ma bisogna semplificare. Il Pnrr è debito, serve un lavoro di lungo periodo

Colao: Innovazione è fondamentale, ce la faremo ma bisogna semplificare. Il Pnrr è debito, serve un lavoro di lungo periodo

TOP 100 BRAND ONLINE iscritti ad Audiweb nel GIORNO MEDIO. A luglio sempre in vetta ilMeteo, Libero e Corriere della Sera

TOP 100 BRAND ONLINE iscritti ad Audiweb nel GIORNO MEDIO. A luglio sempre in vetta ilMeteo, Libero e Corriere della Sera