La Cina sospende temporaneamente l’approvazione di nuovi videogame per cercare di combattere la dipendenza

Condividi

Le autorità cinesi hanno “temporaneamente sospeso” l’approvazione di nuovi giochi online per cercare di combattere la dipendenza dai videogame della popolazione più giovane. Lo riporta il South China Morning Post. Si tratta di un nuovo colpo del governo di Pechino ai colossi del gaming come Tencent e Netease.

La decisione, spiega il quotidiano cinese, sarebbe arrivata dopo una riunione tenuta mercoledì tra il dipartimento per la pubblicità del Partito comunista cinese e l’autorità che controlla l’industria del gaming, la National press and publication administration.
Nella notte i titoli di Tencent e Netease – come scrivevamo stamattina –  hanno registrato pesanti perdite in borsa, rispettivamente il 5,7% e il 6,98%, dopo la decisione delle autorità regolatrici di Pechino di ordinare un controllo dei contenuti dei giochi on line per la salute “fisica e mentale” dei minori e contro la promozione di valori ritenuti “sbagliati”.