Mediaset in utile nel primo semestre 2021 per 226,7 milioni. I ricavi salgono a 1.387,2 milioni. Raccolta pubblicità ok a luglio e agosto

I ricavi netti consolidati di Mediaset nel primo semestre ammontano a 1.387,2 milioni rispetto ai 1.166,4 milioni  dello stesso periodo del 2020.

Il risultato netto del gruppo televisivo – come riporta Ansa – è positivo per 226,7 milioni rispetto alla perdita di 18,9 milioni dei primi sei mesi dell’esercizio precedente ed è migliore  anche rispetto a quello del primo semestre 2019 (102,7 milioni). Il dato 2021 – ricorda una nota – comprende due elementi straordinari: la plusvalenza generata nel secondo trimestre dalla partecipata al 40% EI Towers (attraverso la cessione di Towertel) e i dividendi frutto della partecipazione in ProsiebenSat1.

 Anche escludendo le componenti il risultato netto 2021 si conferma comunque superiore a quello 2019. L’Ebit di gruppo è positivo per 198,7 milioni di euro – a fronte dei 31,7 milioni dello stesso periodo 2020 – in crescita anche rispetto ai 191,6 milioni del 2019.

Quanto ai ricavi in Italia si attestano a 963,7 milioni a fronte  dei 791,3 milioni del primo semestre precedente mentre in Spagna sono stati registrati ricavi per 423,6 milioni  rispetto ai 375,1 milioni dello stesso periodo del 2020.

Decisivo è stato l’andamento  positivo  dei  ricavi  pubblicitari  televisivi  lordi  in  entrambe  le  aree  geografiche. In Spagna si sono attestati a 406,1 milioni di euro rispetto ai 325,1 milioni dello  scorso primo semestre. In Italia i ricavi sono stati pari a 979,9 milioni (+31,7%) a  fronte dei 744,2 milioni dello stesso periodo del 2020. Sulla base dei dati  elaborati da Nielsen, nel primo semestre 2021 Mediaset ha registrato in Italia un aumento della raccolta migliore rispetto a quello del mercato pubblicitario complessivo, cresciuto del  26,7%. In particolare, il secondo trimestre ha visto i ricavi pubblicitari Mediaset attestarsi a  526,4 milioni di euro, in aumento non solo rispetto al pari periodo 2020 (+66,2%) ma anche in  confronto ai 501,6 milioni del 2019.

Pier Silvio Berlusconi (foto uff stampa Mediaset)

Pier Silvio Berlusconi (foto uff stampa Mediaset)

I costi operativi complessivi  (costi del personale, altri costi  operativi, ammortamenti e  svalutazioni) si attestano a 1.188,5  milioni rispetto ai 1.134,7 milioni  del primo semestre 2020.  L’indebitamento finanziario netto consolidato al 30 giugno è calato a 731,7 milioni  rispetto al dato di inizio periodo (1.064,4 milioni di euro). Escludendo le passività rilevate  a partire dal 2019 ai sensi dell’IFRS 16 e gli investimenti oggetto della partecipazione in  ProsiebenSat.1, l’indebitamento finanziario netto consolidato è pari a 222 milioni dai 473,6 milioni del 31 dicembre scorso.   La generazione di cassa caratteristica (free cash flow) è cresciuta a 274,7 milioni di euro  rispetto ai 212,1 milioni dei primi sei mesi 2020. Nel periodo sono stati sostenuti investimenti  per 103,9 milioni connessi all’incremento della quota in ProsiebenSat.1 e incassati  133,9 milioni da dividendi EITowers, oltre a 20,4 milioni frutto della chiusura di strumenti  finanziari a copertura di investimenti partecipativi.

Per quanto riguarda gli ascolti  televisivi anche  nei  primi  sei  mesi  2021  le  reti  Mediaset  confermano  la  netta  leadership sul target commerciale sia in Italia sia in Spagna in tutte le fasce orarie.   In Italia hanno ottenuto il 34,3% di share nelle 24 ore e il 34% in Prime Time  sul  target  commerciale,  con  una  performance  superiore  a  quella  di  tutte  le  altre  aziende  concorrenti.

Nei due mesi estivi di luglio e  agosto, la raccolta pubblicitaria  del  Gruppo Mediset si è mantenuta positiva rispetto allo stesso periodo sia del 2020 che del 2019. In Italia tale  risultato è particolarmente importante considerando che nel periodo sono  stati trasmessi dalla concorrenza due  importanti eventi sportivi  internazionali (la fase finale dei Campionati Europei di Calcio e i Giochi Olimpici di Tokyo). La nota coi conti dei sei mesi segnala che il terzo trimestre 2020 era stato il primo positivo dopo il lockdown e Mediaset, nel periodo, aveva trasmesso in chiaro la fase finale di Champions League posticipata rispetto al normale calendario. 

Sulla base della visibilità attuale, l’andamento positivo della raccolta pubblicitaria su TV, radio e digital in Italia dovrebbe confermarsi anche a livello complessivo di terzo trimestre, con un dato  progressivo dei primi nove mesi superiore a quello del 2020 e del 2019. 

Sotto il profilo editoriale, nel  corso della stagione autunnale  Mediaset punta a rafforzare  ulteriormente sia la propria offerta televisiva che quella in streaming attraverso il potenziamento dei contenuti sportivi (Champions League) della piattaforma Mediaset Infinity.  

L’aspettativa è che anche nei prossimi mesi la ripresa economica in atto sostenga l’andamento del mercato pubblicitario e in particolare quello del segmento televisivo. Tale scenario potrà essere meglio valutato nel corso delle prossime settimane.

Sulla base di tali evidenze, e grazie al mantenimento di una costante azione di controllo dei costi, si conferma per il 2021 l’obiettivo di rafforzare ulteriormente i risultati economici e la generazione di cassa caratteristica consolidati.

Giordani, ben posizioni per consolidamento media – “Sono due anni che diciamo che il consolidamento nei media tradizionali avverrà in Europa e l’ultimo anno lo ha confermato”. “Non abbiamo detto che il nostro progetto avrà successo ma facciamo del nostro meglio. Mediaset parte da un buon punto di partenza, abbiamo la quota di controllo in Spagna e siamo il maggior socio in Prosieben. Siamo ben posizionati per avere un ruolo nel consolidamento”. Così il Cfo di Mediaset Marco Giordani ha confermato di voler essere della partita in risposta alle domande degli analisti su operazioni di M&A.

Marco Giordani

Marco Giordani

“E’ chiaro che tutti i manager dei media tradizionali sono riluttanti a partecipare a un processo di consolidamento, sono naturalmente contro. Ma si ha diversa percezione se si parla con gli azionisti”, ha ripreso a proposito del nulla di fatto finora, in particolare in Francia. “Ogni giorno riceviamo l’interesse di investitori finanziari e industriali nei media tradizionali. E l’interesse cresce, non diminuisce”, ha spiegato.

“Lasciateci lavorare. Non vogliamo creare aspettative. Annunceremo un’operazione quando sarà fatta non prima. I rumor sono parte del gioco”, ha concluso.

“Faremo del nostro meglio per crescere e assicurare valore agli azionisti. Possiamo confermare che ci stiamo guardando intorno e che la dimensione è cruciale” ha proseguito Giordani a proposito del futuro di MediasetForEurope, che a breve trasferisce la sede in Olanda, come da programma.

Interpellato su Discovery il manager si è limitato a rispondere che “è una delle media company tradizionali europee e sarà parte del processo di consolidamento ma non so con che ruolo parteciperanno”.

Riguardo poi al progetto di fusione con Mediaset Espana, che era stato fermato dal tribunale spagnolo nella battaglia con Vivendi, Giordani ha detto che “non pensiamo sia il momento giusto per fare qualcosa e non stiamo lavorando a qualcosa del genere. Le condizioni esterne non favoriscono una fusione”. Tuttavia “Mediaset Espana sarà anch’essa parte del consolidamento”.

Fusione Ei Towers-Rai Way ha ancora senso – “Siamo sempre stati a favore del consolidamento nelle torri di trasmissioni. Abbiamo provato anche a essere parte attiva in tale processo e siamo stati fermati. Ma da un punto di vista industriale la fusione continua ad avere senso ed è una valida opzione per tutti gli azionisti”. Così il Cfo di Mediaset Marco Giordani ha risposto alla domanda di una analista su una possibile aggregazione fra Ei Towers e Rai Way.  “Siamo soci di minoranza in Ei Towers non la gestiamo”, ha tuttavia ricordato. “Rimarremo finché non vedremo la valorizzazione completa della nostra quota”.

“Il contesto italiano oggi è più favorevole su un consolidamento rispetto al passato. Supporteremo la società se il manager ci presenterà un progetto di consolidamento”, ha aggiunto Giordani.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Musk: Tesla vicina al fallimento 7 volte ed è stato difficile trovare investitori, ma ora andiamo bene

Musk: Tesla vicina al fallimento 7 volte ed è stato difficile trovare investitori, ma ora andiamo bene

Colao: Innovazione è fondamentale, ce la faremo ma bisogna semplificare. Il Pnrr è debito, serve un lavoro di lungo periodo

Colao: Innovazione è fondamentale, ce la faremo ma bisogna semplificare. Il Pnrr è debito, serve un lavoro di lungo periodo

TOP 100 BRAND ONLINE iscritti ad Audiweb nel GIORNO MEDIO. A luglio sempre in vetta ilMeteo, Libero e Corriere della Sera

TOP 100 BRAND ONLINE iscritti ad Audiweb nel GIORNO MEDIO. A luglio sempre in vetta ilMeteo, Libero e Corriere della Sera