7 Gold passa la concessione pubblicitaria a Sport Network, Prs ricorre in tribunale

Condividi

La notizia che 7Gold canale nazionale, espressione di una syndacation televisiva fondata da tre imprenditori locali, Luigi Ferretti di Bologna (editore di Sesta Rete) , Giorgio -Galante di Padova ( editore di Telepadova), e Giorgio Tacchino di Castello d’Orba, in provincia di Alessandria ´(editore di Telecity Piemonte, Telecity Liguria e Telecity Lombardia, e altre emittenti) aveva cambiato concessionaria di pubblicità ha incominciato a girare all’inizio di settembre nell’ambiente delle centrali media, i luoghi più informati del mondo della comunicazione milanese. Si diceva che Sport Network , società del gruppo Amodei (editore del Corriere dello Sport e di Tuttosport) avesse preso in concessione 7Gold, un palinsesto da televisione generalista dove ha molto peso lo sport raccontato più che visto (dovendosi accontentare delle cronache delle partite commentate senza immagini) .

Galante, Ferretti, Bernardini de Pace

La notizia in sè non è da prima pagina, ma ha un risvolto pepato che la rende interessante. Il passaggio di gestione è avvenuto infatti all’insaputa di Prs, la concessionaria di Alfredo Bernardini de Pace, che dal 2015 si occupa della pubblicità nazionale di 7Gold con un contratto che scade a fine del 2022. Appena avuto conferma della bigamia pubblicitaria Prs ha chiesto al tribunale di Milano un provvedimento di urgenza ex 700 per bloccare le attività commerciali di Sport Network che dal 1 settembre è sul mercato per vendere 7Gold.
Al gruppo Amodei sembrano sicuri del fatto loro e pensano di presentare pubblicamente il nuovo partner in affari all’inizio di ottobre.