Da Ter arrivano i nuovi dati di ascolto radio ‘trimestre mobile’ (totale mezzo)

Condividi

Tavolo Editori Radio ha deciso di aggiungere alle consuete rilevazioni dell’audience radiofonica – semestrale e trimestrale – quella del trimestre mobile nella modalità ‘totale mezzo’ cioè fornendo dati complessivi e non riservati ai singoli editori.

Federico Silvestri

Si tratta, spiega il presidente Ter Federico Silvestri, di un “nuovo strumento di monitoraggio ed analisi che consentirà di avere a disposizione una fotografia ancora più profonda e puntuale degli andamenti delle audience”.

I primi due rilasci del nuovo Trimestre Mobile saranno disponibili da martedì 21 settembre e saranno consultabili online. Se ne occuperà il nuovo responsabile operativo di Ter, Paolo Cascatti.

Se finora la rilevazione trimestrale Ter ha coperto i periodi gennaio-marzo, aprile-giugno, luglio -settembre e ottobre-dicembre, i nuovi dati coprono, almeno per quest’anno, i tre mesi che stanno in mezzo tra il secondo e il terzo trimestre.

In particolare, le elaborazioni fanno riferimento a due periodi compresi tra il secondo trimestre 2021 e il terzo trimestre 2021: il primo periodo va dal 27/04/2021 al 05/07/2021 (Trimestre mobile 5‐7) con 29.326 casi ed il secondo periodo va dal 18/05/2021 al 26/07/2021 (Trimestre mobile 6‐8) con 28.425 casi. I due Trimestri Mobili registrano entrambi un aumento in termini di ascolto sia nel Giorno Medio che nell’AQH rispetto al secondo trimestre 2021, ovvero l’ultimo dato pubblicato.

A fronte infatti di una stima pari a 33.444.000 ascoltatori nel Giorno Medio nel secondo trimestre 2021, il Trimestre Mobile 5‐7 vede un aumento dell’1,5% (33.940.000) che raggiunge il 2,2% (34.167.000) per il Trimestre Mobile 6‐8.

Analogo discorso vale per la metrica AQH, per la quale nel secondo Trimestre 2021 è stata pubblicata una stima pari a 5.981.000 ascoltatori nel quarto d’ora medio. Il Trimestre Mobile 5‐7 vede un aumento del 3,3% (6.180.000) e il Trimestre Mobile 6‐8 registra un incremento pari al 5,7% (6.322.000).

Nell’analisi di queste audience , Ter fa sapere che i dati riportati dai primi due Trimestri Mobili sono in aumento anche l’uno rispetto all’altro.

“La fotografia che emerge dalla nuova elaborazione dei dati relativi al trimestre mobile mostra con chiarezza la spinta del ritorno alla normalità, che ha visto una particolare accelerazione negli ultimi mesi e che continua a crescere. In un contesto molto dinamico e di profonde trasformazioni, durante il quale si stanno sviluppando nuove consuetudini, la radio rimane un riferimento solido nelle abitudini di consumo e fruizione”, aggiunge Federico Silvestri.