L’Universita Cattolica riflette sul cambio d’epoca. Con tante intelligenze: da Floridi a Ravasi

Condividi

E’ toccato a Fausto Colombo, professore di Teoria e tecniche dei media presso la Facoltà di scienze e politiche sociali, nominato Delegato alle attività di comunicazione e promozione dell’immagine dell’Università Cattolica, organizzare all’interno degli eventi per il centenario dell’ateneo un ciclo di conferenze su ‘Un secolo di futuro: l’Università tra le generazioni’. Invitati studiosi di fama internazionale che offriranno chiavi di lettura per interpretare le grandi trasformazioni imposte dalla tecnologia e per affrontare le sfide future che attendono le nuove generazioni.

Racconta il professor Colombo: “La domanda di fondo che abbiamo posto a tutti i relatori di questo ciclo è come condividere con i giovani di oggi il valore di un sapere orientato alla ricerca della verità e del bene, che tenga conto criticamente delle radicali trasformazioni tecnologiche e delle nuove sfide globali”. L’idea è “promuovere e avviare una riflessione sul cambio d’epoca in corso, cui con insistenza ci richiama Papa Francesco, alla luce non soltanto delle nuove scoperte scientifiche e tecnologiche, ma anche delle contraddizioni e delle attese nel campo dell’eguaglianza, della giustizia, dell’ambiente”, spiega Il professore .

Saranno due i filoni di riflessione su cui si eserciteranno preziosi conferenzieri: “uno più scientifico e disciplinare, orientato alla descrizione e all’interpretazione del ‘mondo esterno’, l’altro costituito dagli studi teologici, con il compito di leggere le nostre radici religiose come chiave di interpretazione del presente e del futuro. Una soluzione inedita che testimonia la nostra visione olistica e umanistica della conoscenza” chiarisce il professor Colombo.

Luciano Floridi (Foto ANSA/GIORGIO ONORATI)

Ad aprire i giochi, il 30 settembre alle 17, Luciano Floridi, professore di filosofia ed etica dell’informazione presso l’Oxford Internet Institute dell’Università di Oxford, dove è anche direttore del Digital Ethics Lab, mentre in Italia è professore di Sociologia della Comunicazione a Bologna. Un vero innovatore della cultura internettiana, consulente per le problematiche etiche dì Facebook, bravissimo divulgatore, impegnato sui temi della sostenibilità Floridi parlerà su “Tempi digitali. Per la costruzione di un futuro responsabile”.

Il 21 ottobre sarà il turno di un grande esperto dello sviluppo sostenibile, l’economista statunitense Jeffrey Sachs, molto noto anche in Italia, presidente del Center for Sustainable development solutions network (Sdsn) e direttore del Centro per lo Sviluppo Sostenibile alla Columbia University e molto altro ancora. Poi toccherà all’unica donna tra i conferenzieri, Maryanne Wolf, stimata neuroscienziata cognitivista.

Sarà il cardinale arcivescovo cattolico, José Tolentino de Mendonça, teologo e poeta portoghese, ad aprire gli interventi di rappresentanti dell’intellettualità religiosa, a cui seguirà Antonio Spadaro, gesuita, teologo, giornalista, direttore di La Civilta’ Cattolica; poi il monsignor Pierangelo Sequeri, teologo, musicologo, preside del Pontificio istituto Giovanni Paolo II. Poi ancora un laico, Michael Sandel, professore di Filosofia Politica e Teoria del governo alla Harvard University, la cui analisi e critica al sistema economico sociale si sposa con le idee di Papa Francesco. E infine Gianfranco Ravasi, il cardinale, arcivescovo, biblista, teologo, Presidente del Pontificio consiglio della cultura e della Pontificia commissione di archeologia sacra, il pezzo da novanta della cultura della Santa Sede.

Il cardinale Gianfranco Ravasi Foto (Foto ANSA/ ETTORE FERRARI)