Per ‘Trentino Sviluppo’ il direttore generale a sorpresa dall’Australia

Condividi

Trentino Sviluppo, un’azienda strategica per la Provincia di Trento, il cui compito è sostenere l’innovazione, l’imprenditorialità e la collaborazione tra imprese ed è un punto di riferimento per aziende, startup e professionisti e nel cui patrimonio ci sono più di 1,5 milioni di metri quadrati di siti industriali e aree produttive, ha di nuovo un direttore generale.


La notizia non è ancora stata diffusa ufficialmente, ma il nome prescelto è quello di Marco Baccanti, 60 anni l’11 ottobre, nazionalità italiana e francese, laurea a Milano in chimica industriale, esperienze di vertice in varie società in Italia (tra cui, Techonogym dove è stato Managing Director – Health and Wellness Global Business Unit) e all’estero, attualmente amministratore delegato dell’australiana Tajan Nutrition, azienda del gruppo Trajan Scientific and Medical, incaricata di sviluppare partnership con aziende globali nel settore delle scienze della vita, avviare e gestire processi di investimento e sviluppo economico. Baccanti è stato fra l’altro presidente di Iasp, associazione internazionale dei parchi scientifici.
Il nuovo direttore generale, la cui nomina ha senz’altro sorpreso chi si aspettava una scelta interna, è stato individuato grazie ad un bando lanciato lo scorso maggio seguendo la via indicata dalla giunta leghista di Maurizio Fugatti, in carica del novembre 2018, che sta procedendo sistematicamente in questo modo per la copertura di una serie di posizioni di spicco in rovincia. Nella commissione, in veste di presidente, c’era anche Stefano Robol, che nel 2012 aveva lasciato la direzione generale per andare a dirigere l’Istituto trentino edilizia abitativa (Itea), conservando però in Trentino Sviluppo la carica di segretario del Cda.
Terminano così quasi dieci anni di interregno, durante i quali a guidare Trentino Sviluppo erano stati tre direttori operativi: Mauro Casotto (comunicazione e promozione, ma anche coordinamento della Trentino Film Commission, nata nel 2011 per sostenere gli investimenti sul territorio trentino dell’industria audiovisiva, e gestione delle attività di supporto all’internazionalizzazione delle imprese trentine), Nicola Polito (direzione operativa per il settore immobiliare, attrazione, partecipazioni) e Paolo Pretti (nuove imprese e innovazione, servizi di staff) , quest’ultimo fino all’ultimo fra i candidati rimasti in gara per la rinnovata posizione di direttore generale.