Dazn, Dal Pino (Serie A): Siamo intransigenti, deve trasmettere senza problemi

Condividi

“Il Centro Var è la base di una media company che, se dovessimo deliberarla, saremo già pronti per essere operativi”

Sulle performance di Dazn e i problemi riscontrati in queste prime giornate del campionato di Serie A, è intervenuto oggi il presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino. Che è stato chiaro e diretto: “Su Dazn siamo intransigenti: devono essere trasmesse le partite senza problematiche e basta. Devono adeguarsi”. 

Il presidente Dal Pino è intervenuto a margine della presentazione del Centro Var presso l’International Broadcast Centre della Lega Serie A a Lissone (Monza e Brianza). E ha parlato, oltre che di Dazn, anche di stadi e capienze per il pubblico. “Stadi al 100%? Me lo auguro. Il Cts ha dato il via per il 75%, ma per noi esiste solo il 100%”, ha detto. “Se si tratta di un breve periodo ok, ma nel resto d’Europa intorno a noi tutti hanno gli stadi al 100%. Non so per quanto tempo le nostre squadre debbano ancora soffrire la differenza di trattamento rispetto alle altre in Europa, che poi incide sui pesantissimi numeri che stiamo vedendo come sistema a livello economico”.

“Centro Var è base per una media company”

“Questa struttura è un centro di produzione televisivo a tutti gli effetti, si realizza così un primo sogno condiviso con l’ad Luigi De Siervo”, ha poi aggiunto Dal Pino. “È la base di una media company che, se dovessimo un domani deliberarla a livello di assemblea, saremo già pronti per essere operativi nella distribuzione dei nostri contenuti sul mercato”. E ha anche specificato come si tratti di “una visione di lungo periodo che ci mette davanti alle altre leghe in Europa. Nessuno ha una Var Room come la nostra così come un centro di produzione integrato come questo. È un primo tassello che spero si trasformi in qualcosa di operativo per le nostre squadre che hanno bisogno di una visione strategica forte”.

“Con la Var Room unica entriamo in nuova era”

Anche il presiedete della Figc ha detto la sua sul progetto della Var Room centralizzata. “È un sogno che si realizza e che diversi mesi fa sembrava irrealizzabile”, ha affermato. “La struttura rappresenta una nuova eccellenza del calcio e dello sport italiano e ci fa capire che siamo entrati in una nuova era. La Figc è stata la prima al mondo a voler lanciare la tecnologia nel calcio, dalla GLT al Var, e stiamo lavorando ad altri progetti. Siamo proiettati verso il futuro e vogliamo anche incidere sulla parte culturale di questo mondo – ha proseguito -. Aver abbandonato Coverciano per venire qui a Lissone mi rende felice, non siamo pentiti ma entusiasti e soprattutto contenti di esserci potuti agganciare ad una idea straordinaria come questo centro di produzione che sarà un altro passo verso il futuro”.