Il FAI si fa digital, con Facebook per promuovere il Belpaese

Condividi

Facebook unisce le forze con il FAI per incrementare la visibilità dei suoi 52 beni aperti al pubblico

I punti chiave

  • Promuoversi col digitale
  • Incrementare la visibilità
  • Il contributo del progetto alla ripresa del turismo
  • Il progetto di Fai e Facebook nel dettaglio

Il FAI (Fondo per l’ambiente Italiano) e Facebook insieme per promuovere con il digitale i luoghi unici del nostro Paese. È questo l’obiettivo del progetto che permetterà al Fai di sfruttare i canali digitali e social per valorizzare i propri Beni e promuovere gli importanti eventi culturali che organizza.

Il progetto prevede anche una sezione dedicata nell’hub online #piccolegrandimprese con materiali formativi, video training e live-chat con gli esperti di Facebook.

Incrementare la visibilità

D’altra parte c’è da valorizzare tutto un patrimonio di arte, natura e paesaggio del nostro Paese, luoghi unici che il FAI recupera, protegge e fa conoscere.

Ma con questa iniziativa Facebook unisce le forze con il FAI per mettere a disposizione, delle persone che lavorano per la Fondazione e della sua ampia rete di volontari in tutta Italia, gli strumenti digitali per incrementare la visibilità dei suoi 52 Beni aperti al pubblico e degli eventi dedicati al patrimonio culturale e paesaggistico che organizza.

Contributo per la ripresa

Contribuendo così a favorire la ripresa di un comparto, come quello dei musei e dei beni culturali, che è stato fortemente impattato dalle chiusure legate alla pandemia di Covid-19.

Infatti, secondo i dati del Ministero della Cultura, i visitatori di musei, monumenti e aree archeologiche del nostro Paese sono passati da 54,8 milioni nel 2019 a 13,3 milioni nel 2020.

Il progetto

Il cuore del progetto – specifica una nota – sarà un momento formativo con il team del Creative Shop di Facebook, per supportare il FAI nella realizzazione di campagne innovative in grado di sfruttare al meglio le potenzialità della famiglia della App di Facebook e sperimentare nuove funzionalità, per aumentare ancora di più la visibilità del patrimonio culturale della Fondazione.

L’11 ottobre si terrà, infatti, il “Facebook Open Day”, con webinar trasmessi live dalla pagina Facebook di Binario F e live-chat con gli esperti di Facebook, pensati per aiutare le persone del FAI a cogliere tutte le opportunità di comunicazione offerte dal digitale. 

Facebook metterà a disposizione del FAI numerosi materiali, video training e strumenti per supportare la digitalizzazione dei suoi Beni, a partire da una sezione dedicata all’interno dell’hub online di #piccolegrandimprese – il più ampio programma promosso dal social network per supportare la ripresa delle PMI italiane, che ha già due spazi dedicati rispettivamente alla cultura e al turismo. 

“Le piattaforme di Facebook sono un luogo dove la cultura e le sue diverse espressioni prendono costantemente forma e dove le persone vedono e vivono ciò che accade intorno a loro. Il FAI lavora costantemente per valorizzare e consentire a tutti di godere della bellezza di alcuni prestigiosi beni culturali e naturali del nostro Paese, che sono tra gli asset più importanti per il turismo italiano.

Abbiamo, quindi, deciso di aiutare chi lavora per questi Beni a cogliere le opportunità offerte dal digitale che, unite alla creatività, sono la chiave per realizzare campagne di successo che possono dare ulteriore risalto al patrimonio del FAI” ha dichiarato Luca Colombo, Country Director di Facebook Italia.

“FB e IG sono un ingranaggio fondamentale nel nostro ecosistema digitale. Da anni il FAI interpreta il ruolo di first mover in ambito no profit nell’applicazione pratica e concreta delle nuove tecnologie. L’utilizzo integrato dei social rientra in questa precisa strategia e vogliamo continuare a essere innovatori, da esempio e di ispirazione per il nostro settore.

Questo incontro è una straordinaria occasione di arricchimento che ci consentirà di sviluppare al meglio le nostre strategie online” ha dichiarato Davide Usai, Direttore Generale FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano.