Da Kafka allo spazio. Nuova sede a Trieste per l’archivio di Generali

Condividi

Il gruppo Generali ha inaugurato oggi a Trieste la nuova sede dell’Archivio storico, nei rinnovati spazi di palazzo Berlam. Ad accompagnare l’evento la pubblicazione online di una serie di storie collegate alla vita del gruppo, realizzate dall’attore Matteo Caccia.

L’archivio, che apre nell’anno in cui Generali compie 190 anni, contiene documenti preziosi come il fascicolo personale dello scrittore Franz Kafka, con la richiesta di impiego e il curriculum autografo, la documentazione di Umberto Nobile per la storica spedizione scientifica al Polo Nord, e l’assicurazione spaziale a fianco degli Stati Uniti e della Cina. E ancora, polizze antiche, album fotografici, esemplari preziosi che ricordano la partecipazione alle esposizioni universali o celebrano anniversari. I manifesti di Beltrame, Boccasile e Dudovich, si accompagnano a colorati pieghevoli pubblicitari stampati in diverse lingue, alle targhe incendio che ancora oggi si vedono su case e palazzi.

Tra i più grandi archivi assicurativi, dichiarato bene culturale dal Ministero per la Cultura italiano, l’Archivio storico custodisce un racconto collettivo che intreccia la storia della società a quelle delle persone attraverso circa 65mila unità di descrizione archivistica per circa 15 chilometri lineari di documentazione, 3mila volumi di verbali degli organi direttivi, statuti, bilanci e libri contabili riprodotti e consultabili in formato digitale, 3mila riproduzioni da fotografie sciolte, album fotografici e materiale a stampa d’epoca.

L’Archivio storico raccoglie la documentazione prodotta dalla Direzione Centrale di Trieste (dai verbali degli organi di vertice alla documentazione prodotta dai diversi rami e servizi) dalla fondazione alla fine del XX secolo, oltre ai fondi della Presidenza e a quelli della Direzione di Venezia e di Milano, delle Anonime Grandine e Infortuni.

L’Archivio organizza su prenotazione, per tutti gli interessati, visite guidate nel rispetto delle vigenti norme anti- Covid 19.