Lucia Littizzotto

Al via la settima edizione del Mia con tanti politici e star

Condividi

Punti chiave

  • Mercato internazionale dell’audiovisivo
  • Presenze raddoppiate
  • Stato dell’arte della comparto
  • Due macro eventi
  • Forte interesse industriale e istituzionale
  • Panel sulle eccellenze italiane

Si apre una settimana importante per il mondo della produzione di audiovisivi a Roma con una serie di appuntamenti che vedono in pista l’APA, e l’Anica, che in occasione del MIA (Mercato internazionale dell’audiovisivo) presentano dati e iniziative.

Giancarlo Leone (Foto ANSA/ALESSANDRO DI MEO)


L’APA il 14 ottobre lancia il suo 3° Rapporto richiamando al cinema Moderno a Roma i produttori televisioni autori e addetti ai lavoro. A fare il punto sullo stato dell’arte della fiction, del cinema e dell’intrattenimento, del docu e dell’animazione accompagnato da dati e slide sarà, come da sempre, il presidente di Apa Giancarlo Leone che commenterà gli scenari presentati insieme alla direttrice, di Rai Fiction Maria Pia Ammirati, al direttore della Fiction di Mediaset Daniele Cesarano, e a Tinny Andreatta responsabile delle Produzioni originali italiane di Netflix.
Stesso giorno a Palazzo Barberini l’Anica e il suo presidente Francesco Rutelli alzeranno il sipario su Anica Academy, che nasce perché crescendo i volumi produttivi di serialità e film per effetto dall’affermarsi degli OTT internazionali, c’è urgente bisogno di svecchiare e rimpolpare il parco degli autori e sceneggiatori e delle professionalità tecniche.
I due eventi si inquadrano all’interno del Mercato internazionale dell’audiovisivo, MIA, che si svolgerà dal 13 al 17 ottobre in parallelo con la Festa del Cinema di Roma nelle location di Palazzo Barberini e nelle sale dei cinema Moderno e Quattro Fontane.


Per questa settima edizione ci si aspetta una grande partecipazione dal mondo internazionale. Si parla di più di un raddoppio delle presenze dell’anno scorso, con ospiti in arrivo dall’Europa e dagli Usa mentre gli asiatici e latino americani si collegheranno soprattutto on line. Una forte adesione che rappresenta dopo il Covid la voglia di tornare alla normalità. L’incremento dell’affluenza segnala anche la capacità di attrazione del Mia e dell’industria italiana e di Roma diventate un punto di riferimento per il mercato internazionale.

Lucia Littizzotto
Lucia Milazzotto


E’ molto soddisfatta Lucia Milazzotto, il direttore del Mia dall’anno zero. “Il fatto rilevante è vedere questa grande fiducia e interesse nei confronti della nostro comparto industriale, la capacità produttiva e il talento, ma anche una grandissima fiducia nei confronti del Paese” commenta la Milazzotto,“Se l’anno scorso è stata una edizione di resistenza, con una bellissima partecipazione virtuale, questa in arrivo è l’edizione di ripartenza: si riparte dall’Italia e con l’Italia.

Dario Franceschini

Non è un caso, quindi, se questa nuova edizione prevede una forte presenza istituzionale. Alla conferenza stampa di apertura, prevista a Palazzo Barberini mercoledì 13 alle ore 11, interverranno il ministro della cultura Dario Franceschini e il presidente della Regione Nicola Zingaretti, un po’ i numi tutelari del market, ai quali si affiancano Anna Ascani sottosegretaria del ministero dello Sviluppo Economico e Carlo Ferro, presidente dell’ice.
Con il Mise, ministero sotto la tutela di Giancarlo Giorgetti, sono previsti sul tema appuntamenti sulle tecnologie e l’innovazione tecnologica in ambito audiovisivo ,che vedranno di nuovo in prima linea la Ascani. E non finisce qui perché in chiusura del Mia dovrebbe venire il ministro degli esteri Luigi Di Maio. Un interesse industriale e istituzionale che sembrano voler dimostrare una compattezza di Paese in un momento così complicato per il mondo.

Nella cinque giorni del Mia si affolleranno panel showcase pitching e keynote e ci sarà un via vai di ospiti internazionali e di casa: tra le prime curiosità segnaliamo la presenza di Oscar Farinetti il fondatore di Eaty pertura, animerà un panel sulle eccellenze italiane.

Joe Russo

Tra le star internazionali segnaliamo Joe Russo, regista direttore e scrittore della saga dei supereroi della Marvel, e Alon Aranya, israeliano autoredi Yaoung b bliod e produttore della serie ‘Your Honor?,’ realizzata per Showtime. Non ultimi, da annotare Cosima Spender e Valerio Bonelli rispettivamente regista e montatore di ‘Sanpa. Luci e ombre di San Patrignano’ la docuserie su Vincenzi Muccioli che ha aperto l’alba di un nuovo giorno per il documentario italiano e su tutto un altro fronte ci sarà R.J. Cutler autore e regista di ‘The world’s a little blurry’, il doc sulla cantante Billie Eilish.