Girls4Tech, il programma di Mastercard e Unicef per le ragazze nel mondo STEM

Condividi

Sbarca anche in Italia Girls4tech, il programma educativo di Mastercard che dal 2014 lavora per coinvolgere le studentesse delle scuole secondarie al mondo tecnico-scientifico.
L’occasione per annunciare l’iniziativa, realizzata in collaborazione con l’Unicef, la ‘Giornata Internazionale delle Bambine e delle Ragazze’, che cade l’11 ottobre, quest’anno dedicata al tema ‘Digital generation. Our generation’.

Il gap digitale

Nonostante la forte accelerazione digitale degli ultimi anni, infatti, sono ancora molto poche le donne protagoniste nelle discipline STEM – acronimo british per Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica.
Ma nonostante siano considerate un elemento importante per favorire l’innovazione e lo sviluppo economico di un Paese, racconta l’Unicef, nel mondo la percentuale di donne tra i laureati in quelle discipline è inferiore al 15% in oltre due terzi dei paesi ed il divario di genere tra gli utenti globali di Internet sta crescendo, dall’11% nel 2013 al 17% nel 2019, ed è più ampio nei paesi meno sviluppati del mondo, al 43%.

“Entro il 2030, circa 880 milioni di ragazze e ragazzi non avranno acquisito le competenze utili per entrare nel mondo del lavoro. Siamo di fronte a una crisi dell’istruzione che mette a rischio il futuro dei ragazzi e soprattutto delle ragazze”, spiega Paolo Rozera, direttore generale di Unicef Italia. E per le ragazze questa crisi dei sistemi formativi si traduce anche nella difficoltà di accedere alla possibilità di acquisire competenze in materie scientifiche, tecniche, ingegneristiche e matematiche con un conseguente basso livello di alfabetizzazione digitale”.

Da qui l’invito a governi, mondo delle imprese, società civile “a collaborare per smantellare le barriere di genere e per sviluppare le competenze di cui le ragazze hanno bisogno per diventare utenti e creatrici di conoscenze scientifiche e nuove tecnologie”.

Come funziona il programma

Girls4Tech coinvolge studentesse e studenti delle scuole secondarie di primo grado, dagli 8 e i 12 anni, con un percorso di 6 incontri in modalità digitale, fino al mese di dicembre.
Durante ciascuna sessione, le classi intere, affiancate da manager Mastercard volontari nel ruolo di mentori e tutor, potranno conoscere i fondamenti della tecnologia con cui lavoriamo tutti i giorni. Tra algoritmi, crittografia, rilevamento delle frodi e convergenza digitale.

L’impegno di Mastercard

Sin dal suo lancio nel 2014, Girls4Tech ha coinvolto oltre 1,5 milioni di giovani ragazze provenienti da 45 Paesi e territori, affiancate da 6.000 mentori, con l’obiettivo di ampliare la partecipazione di un ulteriore milione di studentesse entro il 2025.
Il programma fa parte delle iniziative promosse a sostegno della diversità e dell’inclusione, attraverso le quali Mastercard si impegna a sostenere una maggiore parità di genere in cui possano emergere sempre più donne brillanti per un futuro più equo, aperto e diversificato.

“E’ il nostro contributo per promuovere un’inversione di tendenza anche in Italia, offrendo alle giovani ragazze l’occasione di porre le basi per un futuro migliore”, ha affermato Michele Centemero, country manager di Mastercard, definendo diversity e inclusion, “motore dell’innovazione e driver imprescindibili per la creazione di un futuro in cui tutti possano prosperare”.

“Da sempre promuoviamo iniziative e storie di empowerment di giovani di successo, capaci di diventare fonte di ispirazione per tutti”, ha raccontato Stefania Del Tosto, Director Account Italy di Mastercard. “Nella speranza che grazie alle nostre conoscenze e il nostro entusiasmo, siano in futuro sempre più numerose le donne nell’ambito tecnico-scientifico, pronte anche a ricoprire il ruolo di future leader”.

MicheleCentemero e Stefania Del Tosto