Facebook, super multa per utilizzo di lavoratori stranieri

Condividi

Facebook  ha accettato di pagare una sanzione pecuniaria nell’ambito degli accordi con il governo degli Stati Uniti che aveva accusato la società del  social media di riservare illegalmente lavori redditizi a lavoratori immigrati che stava sponsorizzando per la residenza permanente invece di cercare e considerare  lavoratori statunitensi disponibili. La notizia del Wall Street Journal precisa che Facebook pagherà 4,75 milioni di dollari al governo degli Stati Uniti e fino a 9,5 milioni di dollari alle vittime ammissibili della presunta discriminazione, ha deciso  il Dipartimento di Giustizia, per quella che ha definito la più grande multa e riconoscimento economico che la sua divisione per i diritti civili abbia mai emesso.

Inoltre, come parte dell’accordo, il Dipartimento del Lavoro esaminerà l’attuale programma di Facebook per aiutare a ottenere le domande per i lavoratori stranieri e quelle future presentate per i prossimi tre anni.