Donne in festival, con Serena Dandini e le ‘Next Generation Women’

Condividi

Serena Dandini torna oggi per la quarta edizione del suo festival L’eredità delle donne’ dedicato quest’anno alle ‘Next generation Women’.
Location, la Manifattura Tabacchi di Firenze. A 400 e rotti chilometri di distanza da quella Torino dove il prof Alessandro Barbero ha appena lanciato una nuova polemica (oggi protagonista anche del ‘Buongiorno’ di Gramellini) sulla presunta inferiorità “strutturale” delle donne. È per questo, per una connaturata insicurezza e vocazione ad assoggettarsi, che secondo lo storico la metà del cielo ‘rosa’ non riuscirebbe ad arrivare a posizioni dominanti.

Serena Dandini

Allora, chi meglio di Serena Dandini per rispondere? La ex ragazza della ‘Tv delle ragazze’ un anno prima della caduta del Muro di Berlino aveva abbattuto un’altra muraglia: quella che – nel sentire comune – separava inesorabilmente il talento umoristico maschile dall’inettitudine a far ridere di donne forse non abbastanza “spavalde” (termine amato dal prof Barbero) per lanciarsi nell’arena. E lo aveva fatto affidando sketch comici alle allora quasi sconosciute Cinzia Leone, Lella Costa, Sabina Guzzanti…

Le ospiti di Serena Dandini

Nell’arena dell’Eredità delle donne in questi giorni a Firenze arrivano nomi importanti. Come la femminista americana Gloria Steinem in dialogo con Laura Boldrini, che chiuderà domenica il festival 2021 lanciando la palla alle nuove generazioni, con la domanda ‘Come si fa a non essere femministe?’.

E poi ci saranno signore Oscar come Geena Davis, l’affermata economista (e giornalista e documentarista) Noreena Hertz; la ricercatrice Hatice Cengiz vedova Kashoggi intervistata da Andrea Purgatori (il festival non è man free: gli uomini sono ben accolti, purché portatori di valori condivisi). Ma anche alcune giovanissime, dalla canoista delle Paralimpiadi Veronica Yoko Plebani alla manager del Finacial Times Virginia Stagni.

Il manifesto del festival diretto da Serena Dandini

I temi, con buona pace di Barbero, non affronteranno solo veterofemminismo e calzette. C’è il panel sugli Algoritmi, quello sulla Rabbia e quello sui Soldi, che poi è il tema alla base di tutto. E c’è anche il coraggio di fare un incontro sulle ‘Antipatiche’ perché – appunto – imparare a non essere accondiscendenti può essere un’ottima lezione.

La campagna del portale GEDI Alfemminile

Tutti questi eventi sono seguiti e raccontati sul portale Alfemminile di GEDI, media partner dell’Eredità delle donne. Sul sito (dove sono trasmessi anche alcuni incontri in live streaming) e sui canali social Instagram e Facebook.
Dalla collaborazione con Alfemminile sono nate inoltre iniziative come la campagna #Scordatelo, che nei mesi prima del festival ha presentato post, Instagram Stories e video interviste su tematiche di crescita personale e professionale, gender gap e empowerment femminile, coinvolgendo una community femminile di oltre 170 mila follower solo su Instagram.