Con LaPresse Green l’informazione è sempre più verde

Condividi

Nasce oggi LaPresse Green, il nuovo canale che l’agenzia di stampa dedica alla transizione ecologica. E che va ad arricchire l’offerta multimediale – news, foto, video – di LaPresse.
I temi di cui si occuperà LaPresse Green saranno economia circolare, sviluppo sostenibile, energia, cambiamenti climatici, la sfida delle città del futuro e delle rinnovabili, la mobilità e le infrastrutture.
Con approfondimenti sugli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, dalla lotta alla fame alla riduzione delle disuguaglianze territoriali e social.

Il logo del nuovo canale LaPresse Green

LaPresse Green, processo ‘verde’ all’Italia

La presentazione del nuovo canale avviene oggi alla fiera di Rimini, nel corso degli incontri di Ecomondo e nello spazio del Conou, il Consorzio nazionale per la gestione, raccolta e trattamento degli oli minerali usati.
Subito dopo, si svolge il primo appuntamento di LaPresse Green, promosso da Epr comunicazione: ‘Processo all’Italia green: siamo eccellenza o maglia nera?’.
Alessia Lautone, direttrice di LaPresse, modera – nei panni di un giudice imparziale – questo incontro che prende la forma di un processo. Capo d’accusa: la capacità (o incapacità) del nostro Paese di affrontare le grandi questione del clima e dell’ambiente. 

Alessia Lautone, direttrice di LaPresse

Nei panni del pubblico ministero, interviene il presidente di Legambiente Stefano Ciafani. La difesa è affidata al giornalista de ‘Il Sole 24 Ore’ Jacopo Giliberto.
Al processo di LaPresse Green compariranno anche diversi testimoni, provenienti dal mondo ‘verde’.
Mentre il detto sarà affidato a una giuria ‘popolare’ composta da studenti universitari in materie ambientali di Bologna e del Politecnico delle Marche.

Le notizie verdi

Il presidente di LaPresse Marco Durante alla presentazione di Rimini commenta: “In questo momento storico è evidente quanto sia importante la correttezza e la completezza dell’informazione. Questo è l’obiettivo di LaPresse Green, in cui si troveranno notizie con rilevanza nazionale e globale, legate al settore dell’ambiente e della sostenibilità”.

Roberto Cingolani, ministro della Transizione ecologica

Anche il ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani ribadisce, alla presentazione di LaPresse Green, l’importanza fondamentale di una corretta informazione nel campo della sostenibilità. E aggiunge: “Per salvare il Pianeta e la sua popolazione dobbiamo fare tutto velocemente. Le scadenze sono il 2030 con il 55% di decarbonizzazione rispetto al 1990, e il 2050 con la decarbonizzazione netta totale. Tutto quello che stiamo mettendo in pratica è il più grande sforzo che l’umanità abbia fatto da quando si è resa conto che stavamo cambiando”.