Afghanistan, nuove restrizioni: giornaliste velate e stop donne in serie tv

Condividi

Nuovo intervento dai Talebani sui ruoli delle donne in Afghanistan. Il governo estremista (nella foto Zabihullah Mujahid, portavoce dei Talebani), al potere da ormai 100 giorni, ha vietato le apparizioni femminili nelle serie televisive e imposto che presentatrici tv e giornaliste appaiano velate sullo schermo.

Film stranieri a rischio

L’intervento, con regole vaghe – non specificano ad esempio che tipo di velo debbano indossare le giornaliste e anchorwoman -, arriva dopo l’imposizione di regole sempre più restrittive sull’intrattenimento. Sono infatti stati vietati film, commedie e serie tv contrari ai principi della legge islamica e ai principi dell’Afghanistan, è stato vietato mostrare parti intime maschili in tv e ora a rischio sono i film stranieri.