Tim. Orlando: non si può che essere preoccupati

Condividi

“Quando si tratta di un’azienda così importante non si può che essere preoccupati”. Così il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, a margine della Conferenza nazionale sulle dipendenze a Genova commenta gli ultimi sviluppi relativi ai vertici Tim dopo la manifestazione di interesse avanzata da Kkr.

“Il premier Draghi ha indicato i temi sui quali il governo rivolge particolare attenzione, e credo che lo abbia fatto con precisione e tempestività. Io sottolineo in particolare il tema della tenuta occupazionale che deve essere sempre presente nella discussione con na grande azienda che coinvolge grandi professionalità”, prosegue.