Nasce Dàme parla del corpo delle donne

Condividi

L’11 dicembre è uscito Dàme, rivista indipendente che – spiga una nota – mira a stimolare un dibattito sull’autoconsapevolezza, la normalizzazione ed accettazione di sé partendo proprio dal corpo delle donne, ciò che di loro è più denigrato e stereotipato. Ogni numero si concentrerà su una singola parte del corpo; il numero inaugurale è incentrato sulla pancia.

Dàme nasce come un magazine inclusivo, ma anche una piattaforma, un luogo sicuro, una comunità, una fonte
d’ispirazione e di conforto, soprattutto in un momento storico dove anche i trend relativi ai disordini legati al proprio corpo e ai disturbi alimentari sono in forte crescita.

Questo progetto editoriale prende le mosse “dall’idea che esiste una percezione soggettiva di una propria inadeguatezza rispetto a standard e convenzioni imposti dalla società e dagli altri; è un mezzo per sensibilizzare i lettori sulla visione della donna e le sue forme. Noi donne viviamo sotto la costante pressione di essere e apparire in un certo modo per essere accettate ed apprezzate; continuamente insoddisfatte del nostro aspetto fisico e desiderose di raggiungere quell’aspettativa irrealistica di essere perfette. La società cerca di convincerci che siamo o troppo magre o troppo grasse, troppo basse o troppo alte, troppo femminili o troppo mascoline. Perché non riusciamo ancora ad accettarci per quelle che siamo? Siamo donne vere con cellulite e smagliature. Siamo umane e va bene così”, afferma Sara Augugliaro, Founder & Editor-in-chief di Dàme.