Il Digital Audio vale l’1% dell’advertising online italiano. Tutti i numeri nel white paper di Moving Up e Studiobriceno

Condividi

Il documento indaga il segmento del Digital Audio attraverso l’analisi dei principali trend, ricerche di mercato e comportamenti dei consumatori, ponendo un focus particolare sul tema della pianificazione pubblicitaria e dei relativi strumenti di targeting e misurazione. All’interno anche un’intervista esclusiva allo storico editore radiofonico Alberto Hazan, dedicata al progetto MC2

Oggi il Digital Audio vale l’1% della torta dell’advertising online, 42 milioni di euro circa sui 4,2 miliardi stimati dal Politecnico di Milano per il 2021. Eppure, l’attenzione del pubblico, dei media – in particolare delle radio – e degli inserzionisti nei confronti di questa modalità di comunicazione è aumentata considerevolmente. Un tema di grande attualità, al quale Moving Up e Studiobriceno hanno dedicato il white paper “Digital Audio: un nuovo media nell’era del contenuto digitale”

paper_audio_movingupstudiobriceno_compressed

Il documento indaga il segmento del Digital Audio attraverso l’analisi dei principali trend, ricerche di mercato e comportamenti dei consumatori. Grande attenzione è posta attorno al tema della pianificazione pubblicitaria e ai relativi strumenti di targeting e misurazione che fanno dell’audio un mezzo unico, legato a micro-momenti della giornata e per questo perfettamente integrabile nel media mix. All’interno, anche un’intervista esclusiva allo storico editore radiofonico Alberto Hazan, dedicata al progetto MC2.

“Il Digital Audio richiede un lavoro sartoriale, perché il rapporto con l’ascoltatore diventa one-to-one”, commenta Alberto Hazan nel paper. “Oggi fare radio è più faticoso. Per trattenere il tuo pubblico devi inseguirlo e riconquistarlo tutti i giorni affinché non si disperda. Con MC2 la sfida sui contenuti è quella di individuare stili musicali fortemente distintivi, in modo da rendere sempre riconoscibile la personalità del brand e del bouquet delle web radio collegate, che oggi sono 10. Il nostro lavoro si basa su una continua ricerca sul suono e sulla creazione di atmosfere e suggestioni, che spingano l’ascoltatore a sceglierci ogni giorno”.

“In Moving Up siamo impegnati a diffondere la cultura dell’Audio Digitale e a sviluppare ogni giorno nuove idee e soluzioni che possano soddisfare le esigenze di editori e inserzionisti”, dice Daniele AloisioBusiness & Product Director di Moving Up e curatore del progetto. “Oggi gli utenti hanno alzato le aspettative: gli editori devono essere consapevoli che non basta più fornire solo un contenuto testuale, ma la stessa notizia può essere raccontata attraverso audio e video. Con questo white paper vogliamo condividere con il mercato il nostro know how e competenze, aprendo un dibattito tangibile su un business destinato a diventare sempre più rilevante negli anni a venire”.

“Insieme a Moving Up abbiamo deciso di esplorare un tema che sta a cuore a noi e al mercato. Spesso, l’attenzione si concentra sui podcast, un fenomeno alimentato dal successo di diversi prodotti mainstream, ma il Digital Audio è qualcosa di più ampio, che è fortemente connesso alle radio e più in generale a tutti i produttori di contenuti”, dichiara Orianna Bricenofounder di Studiobriceno e curatrice del progetto. “Per questo abbiamo deciso di trattare l’argomento scavando in profondità e con un taglio fresco e innovativo. Una bussola per chiunque voglia approcciare l’argomento, dai new comers fino a chi già utilizza con successo questo prezioso strumento di comunicazione”.