Gomorra, arriva il finale. Una pagina per l’addio a Ciro e Genny

Condividi

Questa sera andranno in onda su Sky gli episodi che chiudono la stagione finale di Gomorra. Come promemoria per l’appuntamento, la pay ha firmato una pubblicità sulle pagine dei quotidiani dedicata alla serie.
Su uno sfondo nero i volti di Genny e Ciro, protagonisti di Gomorra, e in sovraimpressione le parole di saluto degli attori che li hanno interpretati, Salvatore Esposito e Marco D’Amore.

Gli addii a Genny e Ciro

L’addio a Genny

“Caro Genny, sette fa anni ero solo un ragazzo di periferia che sognava di fare l’attore – sono le parole di Salvatore Esposito. E per realizzare quel sogno ti ho dato il mio corpo, la mia voce, la mia anima. Ti ho dato tutto me stesso. Il tuo dramma è stato il mio dramma, le tue ferite hanno segnato anche me. Abbiamo vissuto ciascuno lo vita dell’altro. Lo stesso amore per Azzurra e il piccolo Pietro, lo stesso preciso dolore per la morte di Ciro. Così mi hai reso un attore migliore, certamente un uomo migliore. Ora però tutto quello che abbiamo tenuto stretto, dobbiamo lasciarlo andare. Domani realizzeremo che non ritorna mai più niente, ma forse è questa la nostra più grande conquista. Forse ci mancheremo, forse ci rivedremo. Intanto quel ragazzo che inseguiva il suo sogno è diventato l’uomo che lo ha realizzato. Amico mio, oggi dobbiamo lasciarci, ma io e te non ci perderemo mai”.

Il saluto a Ciro

“La stanza è buia, una luce tenue filtra dal lucernaio, scrive Marco D’Amore. C’è odore di sigarette, spente accese mille volte. Stai seduto in un angolo, mi dai le spalle. Io in piedi a pochi metri. Silenzio. Ti passi una mano sul cranio lucido. Poi come fai tu, ti volti appena, mi guardi, i tuoi occhi brillano di una luce violenta. Vieni vicino. Riduci la distanza con quel modo che hai di arrivare ad un centimetro dal volto, il collo proteso in avanti. Vorrei dirti tante cose, abbracciarti forse. Ma so che non posso nulla. Sei tu il protagonista. Il tuo sguardo è duro, come se mi rimproverassi qualcosa. Poi d’improvviso sorridi, come poche volte hai fatto. Mi dai due piccoli buffetti sul volto. “Fa o’ bravo”, dici. Poi cammini fino alla porta, l’apri e te la chiudi alle spalle senza voltarti”.