Andrzej Duda (Foto LaPresse)

Ue preoccupata per la legge polacca sui media

Condividi

Alla Commissione Europea “seguiamo gli ultimi sviluppi” riguardanti la legge sui media votata dal Parlamento polacco “con preoccupazione. Abbiamo anche visto persone protestare questo fine settimana in Polonia”. Lo sottolinea il portavoce della Commissione Christian Wigand, durante il briefing con la stampa a Bruxelles. La legge, che prende di mira il canale televisivo Tvn24, di proprietà di Discovery, critico nei confronti del governo del Pis, dovrebbe essere ora firmata dal presidente Andrzej Duda.

La Commissione “si attende che le politiche e la legislazione degli Stati membri non abbiano alcun impatto negativo sull’impegno ad avere un settore dei media libero e diversificato. La Commissione ha espresso preoccupazioni sulla libertà dei media in Polonia e più specificamente su questa legge e sul caso di Tvn24 nel suo rapporto sullo Stato di diritto”.

Per l’esecutivo Ue “la legge potrebbe comportare il cambiamento forzato della proprietà di media in Polonia e pone gravi rischi per la libertà di stampa e il pluralismo in Polonia. Potrebbe limitarla, in un panorama dei media che già soffre per una crescente politicizzazione. Il progetto di legge non è ancora legge: continueremo a seguire gli eventi con attenzione”, conclude.