Spazio, Pechino vs Usa: Rischio collisioni con satelliti Space X di Elon Musk

Condividi

“Una grave minaccia, c’è il rischio di collisioni tra satelliti nello Spazio”, accusa la Cina che si è scagliata contro gli Usa perché due satelliti del miliardario Elon Musk hanno rischiato di schiantarsi contro il Palazzo Celeste, la stazione spaziale fiore all’occhiello della tecnologia cinese.

Musk, come riporta Agi, prima è finito nel mirino dei social media cinesi, poi è intervenuto lo stesso governo a Pechino a criticarlo.

Dopo la Stazione Spaziale Internazionale (Iss), la Tiangong 2 è il secondo avamposto umano nello spazio. Secondo un documento inviato all’inizio di dicembre da Pechino all’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari dello spazio esterno a Vienna, la stazione spaziale cinese Tiangong ha dovuto eseguire manovre evasive in due occasioni, a luglio e ottobre, per evitare “un incontro” con i satelliti Starlink di SpaceX. L’agenzia spaziale cinese ha dovuto reagire “per garantire la sicurezza e la sopravvivenza” dei taikonauti, gli astronauti cinesi in orbita”, ha aggiunto Pechino.

L’uomo più ricco del mondo, che è stato recentemente nominato Persona dell’anno dalla rivista Time, è meglio conosciuto in Cina per le sue auto elettriche Tesla. SpaceX per ora non ha replicato, ma il malcontento negli internauti cinesi e l’increscioso episodio potrebbero avere ripercussioni sulle vendite delle sue auto elettriche.  

Il mercato cinese è cruciale per il multimiliardario canadese-americano nato in Sudafrica. Tesla vende circa un quarto della sua produzione in Cina e ha una fabbrica a Shanghai. Gli internauti si sono scatenati: una proposta per boicottare le sue auto ha raggiunto in poche ore 87 milioni di visualizzazioni, qualcuno ha fatto notare che Washington avrebbe imposto sanzioni se i ruoli fossero stati invertiti. 

Tiangong, il Palazzo Celeste, appunto, è l’ultimo traguardo nello sforzo della Cina di diventare una potenza spaziale, dopo l’atterraggio di un robot su Marte e l’invio di sonde sulla Luna.

Nello spazio, SpaceX ha lanciato una costellazione di più di 1.500 satelliti, Starlink, progettati per portare la connettività internet in tutti gli angoli del mondo: una pletora di satelliti errabondi che però adesso aumentano iul rischio di collisioni.

“Abbiamo visto un aumento del numero di rischi di collisione da quando Starlink è stato distribuito”, ha riconosciuto Jonathan McDowell dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics negli Stati Uniti. Musk è molto ammirato in Cina ma la reputazione di Tesla, che vende decine di migliaia di auto al mese nel Paese, sta subendo contraccolpi dopo gli incidenti e i problemi nell’archiviazione dei dati.

Se adesso ci si mettono anche i problemi con i satelliti, per lui l’aria in Cina si farà pesante.