Tim. Per Agcom, conforme a codice Ue offerta coinvestimento rete fibra

Condividi

L’Autorità per le comunicazioni, a maggioranza, ha valutato, in linea di principio, conforme all’art. 76 del Codice europeo delle comunicazioni elettroniche la versione consolidata dell’offerta di coinvestimento di Tim per la realizzazione di nuove reti ad altissima capacità (Vhc) e ha deciso di avviare una consultazione pubblica sul conseguente trattamento regolamentare della nuova rete oggetto dell’offerta.

Lo rende noto Agcom spiegando che si tratta della prima applicazione in Europa delle disposizioni del nuovo Codice in materia di coinvestimento.

L’offerta di Tim prevede la realizzazione di una nuova rete in fibra ottica fino ai locali degli utenti finali con condivisione del rischio a lungo termine, attraverso cofinanziamento o accordi strutturali di acquisto, ricorda la nota.

Le valutazioni hanno riguardato in particolare l’offerta di Tim nella sua versione trasmessa lo scorso 22 dicembre 2021, che tiene conto delle richieste di modifiche e integrazioni formulate a Tim dall’Autorità, a seguito del market test (delibera n. 110/21/CONS) nel quale le parti interessate – potenziali coinvestitori o richiedenti l’accesso – hanno espresso il proprio parere in merito alla conformità degli impegni offerti alle condizioni stabilite dal Codice.