Nuova struttura organizzativa per Ferrari. Binotto confermato alla Gestione sportiva

Condividi

Il motivo, dicono in Ferrari, sta nel voler valorizzare l’esclusività del marchio, arricchire l’eccellenza del prodotto, rimanere fedeli al proprio DNA sportivo, focalizzarsi sulla carbon neutrality entro il 2030 e per questo si è dotata di una nuova struttura organizzativa.

La nuova struttura organizzativa – ribadiscono da Maranello – stimolerà ulteriormente l’innovazione, ottimizzerà i processi e accrescerà la collaborazione, interna e con i partner, ampliando il leadership team attraverso la promozione dei talenti interni e l’inserimento strategico di alcune competenze.

“Vogliamo spingere più avanti i confini in tutte le aree, utilizzando la tecnologia in una modalità unica e propria di Ferrari” – ha dichiarato Benedetto Vigna, CEO di Ferrari – “La nuova organizzazione migliorerà la nostra agilità, essenziale per cogliere le opportunità di fronte a noi in questo scenario in rapida evoluzione”.

In particolare, le seguenti funzioni ora riporteranno direttamente al CEO:

  • Product Development e Research&Development, funzioni chiave per la creazione delle vetture Ferrari e per l’esperienza unica ed esclusiva a esse associata, il cui processo decisionale viene ottimizzato. Gianmaria Fulgenzi è nominato Chief Product Development Officer, in seguito a un percorso in Ferrari iniziato nel 2002 e in cui ha ricoperto diversi ruoli nello sviluppo prodotto, nella produzione e più recentemente nella Gestione Sportiva, di cui era Head of Supply Chain. Ernesto Lasalandra, nominato Chief Research & Development Officer, si unisce a Ferrari da STMicroelectronics, di cui è stato Group VP R&D General Manager e dove ha maturatoun’esperienza di oltre 20 anni all’interno dell’innovativo settore hi-tech. Philippe Krief, che già lavora in Ferrari, sarà suo Deputy e capitalizzerà oltre 35 anni di esperienza nel settore automotive.
  • Digital & Data, con il compito di accelerare la trasformazione digitale della Società, assicurando che i processi siano sempre più data driven e focalizzati sul digitale. Silvia Gabrielli, che lavora per Ferrari dal 2019 e in precedenza ha lavorato per Microsoft e altri player globali in ambito digitale, è nominata Chief Digital & Data Officer.Ferrari N.V. Registered Office: Dutch trade registration number: Amsterdam, The Netherlands Via Abetone Inferiore N. 4, 64060977
  • T echnologies & Infrastructures, con l’obiettivo di rafforzare la collaborazione e l’allineamento fra lo sviluppo e la produzione delle nostre vetture, assicurando la massima collaborazione lungo l’intero processo. Davide Abate, in precedenza Head of Technologies e in Ferrari dal 2012, è nominato Chief Technologies & Infrastructures Officer.
  • Purchasing & Quality, incaricato di potenziare ulteriormente le partnership strategiche per continuare ad alzare la soglia dell’eccellenza. Angelo Pesci è nominato Chief Purchasing & Quality Officer, dopo un’esperienza di oltre 20 anni nel Financial Planning, Supply Chain and Product Planning, Services and Operations di STMicroelectronics.
  • Manufacturing,checontinuaariportarealCEO.AndreaAntichiènominatoChiefManufacturing Officer, dopo aver ricoperto l’incarico di Head of Vehicle e aver lavorato in Ferrari dal 2006.
  • InternalAuditeCompliance,cherafforzerannoulteriormentelatrasversalitàdiquesteduearee. Marco Lovati prosegue il suo incarico di Chief Internal Audit Officer e riporta ancora all’Audit Committee del Consiglio di Amministrazione di Ferrari N.V. Sabina Fasciolo continua a svolgere il suo ruolo di Chief Compliance Officer.

    Le seguenti funzioni continuano a riportare al CEO:
  • Brand Diversification, Benedetto Vigna ad interim
  • Content & Communication, Charlie Turner
  • Design, Flavio Manzoni
  • Finance & Financial Services, Antonio Picca Piccon
  • Gestione Sportiva, Mattia Binotto
  • Human Resources, Michele Antoniazzi
  • Legal, Carlo Daneo
  • Marketing & Commercial, Enrico Galliera

Ferrari: Binotto confermato alla guida Gestione sportiva

Mattia Binotto è stato quindi confermato, nell’ambito della nuova organizzazione annunciata dalla casa di Maranello, alla guida della Gestione Sportiva di Ferrari, ruolo che ricopre dal 2019,

Binotto, nato il 3 novembre 1969 a Losanna, è dal 1995 nella  Scuderia Ferrari  dove è entrato come Test Engine Engineer per la squadra prove e ha ricoperto questo ruolo anche dal 1997 al 2003. Nel 2004 diviene Race Engine Engineer per la squadra corse e dal 2007 Capo Ingegnere, corse e montaggio, assumendo poi il ruolo di responsabile operativo del Reparto Motori e Kers nel 2009.

Dopo essere stato nominato vice direttore del reparto Motori ed Elettronica nell’ottobre 2013, Binotto diventa successivamente Chief Operating Officer per la Power Unit. Il 27 luglio 2016 viene nominato Chief Technical Officer della Scuderia Ferrari