Ue: conferenza di Macron senza domande. I giornalisti se ne vanno

Condividi

Esordio non proprio tranquillo per il semestre di presidenza francese in Ue. Il dibattito in plenaria si è prolungato oltre le previsioni e ad averne fatto le spese è stato l’incontro con i giornalisti, che attendevano Emmanuel Macron e la neo presidente del Parlamento Ue, Roberta Metsola.

La conferenza stampa, prevista alle 14:45, si è trasformata in una scarna dichiarazione. Ma la sala Daphne Caruana Galizia era già in parte vuota dopo che era stato annunciato che, contrariamente a quanto previsto, Macron non avrebbe risposto a domande essendo in ritardo sulla sua agenda.
“Non è possibile, così, senza domande”, ha detto un giornalista in francese all’uscita di Macron. “Ho già risposto a tutto in Aula”, la replica del presidente francese.

Fnsi: esempio per l’Italia

Il gesto di protesta dei cronisti è stato apprezzato dal segretario Fnsi Raffaele Lorusso. “A parole esaltano l’Europa delle libertà e dei diritti, ma alla prima conferenza stampa Macron e Metsola impediscono ai giornalisti di fare domande”, l’attacco via Twitter. “Bene hanno fatto i cronisti ad andare via: un esempio da imitare. Soprattutto in Italia”.