Bartoli (Odg): con giornalisti in Pnnr, valore aggiunto a comunicazione PA

Condividi

Coinvolgere i giornalisti nella realizzazione del Pnrr. E’ in sintesi la richiesta avanzata da Carlo Bartoli, presidente dell’Ordine dei Giornalisti, al convegno internazionale promosso dall’università di Urbino ‘Perspectives of public communication in Europe’.

A proposito delle innovazioni che grazie al piano potrebbero investire la pubblica amministrazione, Bartoli ha espresso la sua convinzione sia necessario avere più giornalisti nell’informazione e nella comunicazione pubblica. “Parliamo di giornalisti che devono essere qualificati, attrezzati con le digital skills necessarie per gestire i nuovi processi di comunicazione e fronteggiare le ondate di fake news e i tentativi di manipolazione che arrivano soprattutto con i social media”.

“Oggi gli uffici stampa, pubblici e privati, ha proseguito, non si occupano più solo di comunicati, fanno ben altro. Interagiscono con i social e con tutta la filiera della comunicazione digitale. Il giornalismo professionale deve continuare ad offrire alla Pubblica Amministrazione (e assimilati) il valore aggiunto costituito dai principi della deontologia e dell’etica per una corretta informazione”.

“Sarebbe importante a questo proposito, ha concluso Bartoli, prevedere nell’ambito della realizzazione dei principali interventi legati al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), la presenza di giornalisti nelle attività di informazione e comunicazione dei progetti. Sarebbe un contributo attivo per una maggiore visibilità ed trasparenza per i tanti interventi il cui obiettivo è sostenere la ripartenza della nostra economia all’insegna dell’equità e della sostenibilità”.