Uniting Group: Dario De Lisi, Nicola Corricelli e Alessandro Martinelli nuovi soci

Condividi

Il 31 gennaio 2022, Uniting Group, realtà specializzata nella comunicazione integrata, digitale, territoriale e influencer marketing, ha annunciato l’ingresso di tre soci: Dario De Lisi, con il ruolo di chief creative strategy officer, Nicola Corricelli, chief culture officer e Alessandro Martinelli, chief people officer.

L’ingresso dei tre nuovi soci completa la linea di management, in una fase di sviluppo che prevede il lancio di nuovi servizi e nuove unit, un nuovo modello organizzativo sempre più simile a quello di una creative platform, per facilitare l’integrazione delle singole agenzie, ed un business model aperto alla co-creazione.

“I cambiamenti del contesto in cui operiamo dati da nuovi trend, nuove tecnologie e nuovi media, ci costringono a ripensare un modello di approccio che sia in grado di dare risposta all’evoluzione nelle esigenze delle aziende” afferma Dario De Lisi, chief creative strategy Officer di Uniting Group. “Vorrei che il mio contributo fosse funzionale a improntare un modello di lavoro agile, basato sulla cooperazione e sulla co-creazione di un linguaggio comune, utile a trovare una sintesi tra competenze e qualità diverse, al fine di ottenere progettualità efficaci in un universo sempre più dinamico e articolato”.

Nicola Corricelli, chief culture officer, spiega: “La sfida che mi attende in Uniting è quella di sviluppare una cultura aziendale fondata sulla ricerca dell’eccellenza e di una spinta di collaborazione fra unit, ogni giorno e in ogni progetto, che possa arrivare ad essere percepita come benchmark dalla nostra Industry. L’obiettivo è diffondere un nuovo mindset, sia internamente che con i nostri clienti, basato su un dialogo continuativo, così da creare una comunicazione efficace e coerente con la propria target audience”.

Alessandro Martinelli, chief people officer, commenta: “Il mio impegno in Uniting sarà quello di elaborare nuove strategie utili a guidare crescita, formazione e condivisione, partendo da un patto tra azienda e collaboratori”.