Gaming: Sony acquista l’americana Bungie per 3,6 miliardi di dollari

Condividi

Continua il consolidamento nel settore dei videogiochi. Sony ha annunciato l’acquisizione della statunitense Bungie Inc., creatrice della serie ‘Destiny’ e ‘Halo’ per 3,6 miliardi di dollari. L’operazione segue l’acquisizione di Microsoft della Activision Blizzard per 68,7 miliardi di dollari.

I dettagli

La Bungie diventerà a tutti gli effetti una sussidiaria di Sony Interactive Entertainment, ma rimarrà uno studio indipendente a livello creativo. Sony ha precisato che l’operazione consentirà agli estimatori di Bungie “di accedere ai servizi in presa diretta e sfruttare le avanzate capacità tecnologiche della piattaforma”.

L’ad dell’azienda nipponica, Jim Ryan (nella foto, LaPresse), ha sottolineato come l’operazione sia un passo nella strategia di espansione per PlayStation, la console di riferimento della Sony, assieme alla creazione di apparati per la realtà virtuale.

Il peso del comparto

Secondo gli analisti del comparto ulteriori acquisizioni potrebbero essere annunciate nei mesi a venire con particolare attenzione per le aziende a garantirsi i diritti sulle proprietà intellettuali (Ip), e allo sviluppo del metaverso.
Secondo alcune stime riprese da Reuters nei giorni scorsi, il comparto nel 2022 potrebbe muovere la cifra record di 150 miliardi di dollari tra accordi e finanziamenti.