Il Mossad torna a ‘Teheran’, e ingaggia Glenn Close

Condividi

C’è anche Glenn Close, nei panni di Marjan Montazeri, nella nuova stagione di ‘Teheran’, serie che uscirà su Apple Tv+ il 6 maggio.
Protagonista è però sempre la 29enne israeliana Niv Sultan, che interpreta un’agente del Mossad e che ritroveremo quest’anno nella serie italiana ‘Quella sporca sacca nera’ realizzata da Palomar di Carlo Degli Esposti e Nicola Serra con Bron Studios, per a piattaforma americana Amc+.

Niv Sultan, ‘Teheran’

Made in Israele

Le serie israeliane in questo periodo hanno grande fortuna. Ci sono titoli ‘must’ come ‘Shtisel’ che – alternando hunour a dramma – hanno fatto conoscere al pubblico la vita degli ebrei ortodossi. Ma ci sono anche esempi come ‘Hit and Run’ e ‘La ragazza di Oslo’, che mescolano a drammatiche storie familiari scene tutte action e spionaggio.
‘Teheran’ si può collocare in questo filone. Girato ad Atene e a Teheran, questo thriller di spionaggio internazionale ha al centro un’agente informatica (Tamar Rabinyan) in missione a Teheran, con il compito di disabilitare un reattore nucleare iraniano. Missione fallita, che la porterà a riscoprire le proprie origini iraniane e a interrogarsi sull’incarico ricevuto. Per interpretare Tamar, Niv Sultan ha studiato per 4 mesi il persiano.

Serie Emmy

‘Teheran’, la cui prima stagione è stata trasmesso l’anno scorso, ed è disponibile in streaming su Apple TV+,ha anche vinto l’Emmy Award 2021 come miglior serie drammatica.
La nuova stagione in 8 episodi debutterà il 6 maggio con i primi due, seguiti da nuove puntate settimanali ogni venerdì, fino al 17 giugno.
La serie è ideata da Moshe Zonder, Dana Eden e Maor Kohn, e diretta da Daniel Syrkin. I produttori esecutivi sono Dana Eden e Shula Spiegel per Donna e Shula Productions, Alon Aranya per Paper Plane Productions, Julien Leroux per Paper Entertainment, Peter Emerson per Cineflix Studios e Moshe Zonder, Omri Shenhar, Daniel Syrkin ed Eldad Koblenz per Kan 11. La distribuzione internazionale è Cineflix Rights.