La lite a colpi di Whatsapp tra Sigfrido Ranucci, conduttore di Report

Condividi

A poche ore di distanza dall’incontro in Vigilanza di martedì 8 febbraio in cui il deputato di Forza Italia, Andrea Ruggieri, ha riferito uno scambio di messaggi Whatsapp con Sigfrido Ranucci, autore e conduttore di Report, Open ha pubblicato nel dettaglio il contenuto della chat.

La conversazione si riferisce ai giorni successivi alla riunione della Vigilanza del 24 novembre, quando il deputato di Iv Davide Faraone aveva citato un dossier anonimo in suo possesso in cui il conduttore di Report veniva accusato di mobbing e molestie. Tutte accuse che un successivo audit Rai aveva classificato come infondate.
Ruggieri nella stessa seduta della bicamerale aveva confermato di aver ricevuto il dossier ma di averlo cestinato ritenendolo falso. Ecco i passaggi della lite a colpi di whatsapp tra Ranucci e Ruggieri.

Sigfrido Ranucci : “Quello che tu e Faraone avete fatto è vergognoso. A me potete buttare tutto il fango che maneggiate. Non mi interessa. Ma che, per buttarlo su di me, abbiate coinvolto persone innocenti e brave professioniste è indegno dal punto di vista umano e parlamentare. Poi detto da uno che ha come capo il top player mondiale del bullismo sessuale è comico. Ripreso da un giornale che ha come direttore uno che, secondo segnalazioni arrivate in redazione, adescava le minorenni è ancora più comico. Pure a me arrivano dossier anonimi su politici che usano cocaina, pensa se usassi lo stesso metro”.

Sigfrido Ranucci: “Sei tu e il tuo capo pratici di bullismo sessuale” (Il riferimento, visto che Ruggieri è parlamentare di Forza Italia, è a Silvio Berlusconi). “Di dossier anonimi ne arrivano a decine sui politici… tutti… tra uso di cocaina, scene da basso impero su yacht, io ho una dignità. Siete delle merde”.

Andrea Ruggieri: “Caro mio, contieniti, che qui non si spaventa nessuno. Io ti ho praticamente difeso” … “Apprendo comunque che la tua redazione è un call center di segnalazioni varie”

Sigfrido Ranucci: “78 mila. Ne arrivano anche su di voi, come normale.”

Andrea Ruggieri: “Anche a me piacciono le donne, ma nessuno, nemmeno il mio peggior detrattore, mi ha mai omaggiato di una lettera simile […] Hai il dossier su parlamentari che pippano? E mandali in onda, no? A me che me frega”.