Un altro giornalista ucciso in Messico. E’ il sesto da inizio anno

Condividi

Ancora un giornalista ucciso in Messico, il sesto dall’inizio dell’anno. Heber López Vásquez di Rcp Noticias è stato assassinato a colpi d’arma da fuoco nella notte nella zona Espinal a Salina Cruz, nello stato di Oaxaca. Due persone sono state arrestate dopo l’omicidio del reporter, assassinato nel suo studio di registrazione, come hanno riportato Rcp Noticias e il giornale Milenio. Secondo il Diario de Yucatán, il giornalista aveva ricevuto minacce per il suo lavoro, per le denunce di atti di corruzione da parte di funzionari locali.

Il Messico è considerato uno dei Paesi più pericolosi al mondo per i giornalisti. Da inizio anno sono stati uccisi a Tijuana la giornalista Lourdes Maldonado, il fotoreporter Margarito Martínez Esquivel e il giornalista Marco Ernesto Isla, che aveva già interrotto la professione per ‘motivi personali’, il collega José Luis Gamboa a Veracruz e il cronista Roberto Toledo a Zitacuaro. A fine gennaio ci sono state proteste dei cronisti e della società civile. Secondo il Comitato per la protezione dei giornalisti (Cpj) negli ultimi 30 anni sono stati circa 140 i giornalisti assassinati in Messico.