Loquace con i media per spiazzare Putin. La strategia dell’intelligence Usa per l’Ucraina

Condividi

Sta facendo discutere, ed anche attirando critiche, il fatto che in queste settimane di crescenti tensioni con la Russia, l‘intelligence Usa sia apparsa quanto mai loquace con i media nel lanciare allarmi e dettagliare piani e mosse di Mosca in preparazione dell’invasione dell‘Ucraina.

Ma ora dall’amministrazione Biden – riporta Adnkronos – si assicura che questo rientra in una strategia attentamente orchestrata dalla Casa Bianca con le agenzie di intelligence, con l’intento di spiazzare i piani di Vladimir Putin, bruciando l’effetto sorpresa.

E vi sarebbero segnali che questa strategia starebbe funzionando, affermano fonti dell’amministrazione alla Cnn, spiegando che Putin sarebbe stato “colto di sorpresa” da alcune delle rivelazione. E che le intercettazioni raccolte testimoniano ufficiali militari e di intelligence russi che si lamentano del fatto che i piani siano stati rivelati.

“La speranza è che i russi rimangono sorpresi dalla conoscenza di questi dettagli da parte degli alleati e che vi sia una reazione interna”, afferma poi una fonte di un’intelligence occidentale, sottolineando che in casi del genere “di solito ci aspetteremmo che i russi si chiedano se hanno una talpa al loro interno”.

“E’ utile che inizino ad a vere dubbi al loro interno – prosegue lo 007- che si domandino se possono veramente attuare i loro piani, mantenendo la segretezza e l’effetto sorpresa. A volte, se riesci ad instillare abbastanza dubbi nel sistema, potrebbero arrivare a rimuovere persone competenti per il semplice sospetto che siano spie”.