Shari Redstone (foto LaPresse)

ViacomCBS cambia nome e diventa Paramount Global

Condividi

ViacomCbs cambia nome in Paramount. Con la mossa, l’intenzione della compagnia è quella di adottare un nome iconico, riconoscibile a livello globale, sotto cui raccogliere tutti i propri brand entertainment, da Cbs a MTV, da Comedy Central a Nickelodeon, passando per Paramount Pictures, Paramount+ e Pluto tv.

“Con Paramount abbiamo avuto da sempre un ruolo da protagonista, pionieri della Golden Age di Hollywood. Oggi, sotto il brand Paramount, siamo pionieri di un nuovo ed entusiasmante futuro”, ha dichiarato Bob Bakish, presidente ceo, spiegando il perchè del rebranding. Stesso entusiasmo anche per Shari Redstone, non-executive chair del Cda della società “Paramount è un’idea: la promessa di essere i migliori. Tale promessa è sempre stata il fulcro del nostro progetto in quanto custodi di oltre un secolo di eccellenze cinematografiche, e con società e brand che hanno segnato e ridefinito il mondo dell’intrattenimento di generazione in generazione. Abbiamo fatto enormi passi avanti, e non sono mai stata così emozionata per il futuro della società”.

Streaming al centro: i progetti per Paramount+

Come rimarcato più volte, come al momento della messa in vendita dell’editrice Simon & Schuster, la compagnia sarà sempre più focalizzata sullo streaming. “Riteniamo che rappresenti un’enorme opportunità a livello globale, un mercato potenziale ben più ampio di quello raggiungibile soltanto attraverso la TV lineare e i film”, ha spiegato Bakish. Quattro quindi le aree su cui verte la strategia di espansione: l’offerta di contenuti diversificati, il modello di streaming, il mix di piattaforme e la presenza a livello globale.

La piattaforma Paramount+ al momento conta oltre 56 milioni di abbonati totali a livello globale. La sua crescita è andata oltre gli obiettivi previsti dalla casa madre al suo lancio, e ora l’asticella si alza. L’intenzione è quella di arrivare a 100 milioni di abbonati entro la fine del 2024, ben oltre i 65-70 milioni preventivati inizialmente. Rivisti a rialzo anche i conti.

Continuando la strategia di espansione del servizio a livello globale, nel 2022 Paramount+ debutterà in Francia in bundle esclusivo con il Gruppo Canal+ e sarà anche disponibile sul mercato francese à la carte e direct-to-consumer. Con Paramount+ e SkyShowtime (in jv con Comcast), i servizi di streaming della società saranno presenti entro la fine dell’anno in oltre 60 mercati tra cui America Latina, Canada, Australia, Corea del Sud, i Caraibi oltre ai principali mercati europei. Nel 2023, la media company si rivolgerà all’Asia, all’Africa e al Medio Oriente.