Eric Adams (Foto Ansa)

Ny, il sindaco contro la stampa ‘troppo bianca’: manca diversità in redazioni

Condividi

Il sindaco afroamericano di New York punta il dito contro la stampa al suo seguito, a suo avviso ‘troppo bianca’. Secondo Eric Adams, primo cittadino della Grande Mela dal settembre 2021, manca la diversità nelle redazioni e i giornalisti che scrivono su di lui mal interpretano il suo operato. Anzi, dal suo punto di vista scriverebbero storie come se già sapessero cosa farà, prima ancora che le cose accadano. “Sono un afroamericano che è il sindaco ma la mia storia è interpretata da persone che non sono come me”, ha detto durante un’accesa conferenza stampa, sottolineando che la razza gioca un ruolo nella copertura stampa su di lui.

Copertura non condivisa sul viaggio ad Albany

A irritarlo, la copertura negativa di un suo recente viaggio a Albany, sede del Congresso dello stato di New York, dove Adams non è riuscito ad incassare l’appoggio dei deputati dello stato sulla sua agenda anti-crimine.
“Che lo ammettiate o meno sto facendo un dannato buon lavoro e non possiamo vivere in questa realtà alterna”, ha detto attaccando i giornalisti, arrivando a minacciare di non accettare più domande se la copertura che gli riserva la stampa non migliora.

Adams: diversità nelle redazioni

Ma per Adams però la questione va oltre alla sua esperienza personale e va a sfociare nella mancata diversità all’interno delle redazioni. I giornalisti, ha evidenziato, sono per lo più bianchi. “Quanti afroamericani ci sono nei board editoriali? Quanti di loro determinano come vengono scritte queste storie?”. Ed ancora: “quanti asiatici, quanti asiatici dell’est? Del sud? Tutti parlano della diversità nel mio governo ma qual è la diversificazione nelle redazioni?”.