Dmitri Muratov (Foto Ansa)

Ucraina, il premio Nobel russo Muratov: giorno di lutto e vergogna

Condividi

“Siamo in lutto. Il nostro Paese per ordine del presidente Putin ha iniziato una guerra con l’Ucraina. E non c’e’ nessuno che fermi questa guerra. Insieme al dolore proviamo vergogna”. E’ l’editoriale del premio Nobel per la Pace, Dmitri Muratov, direttore del giornale russo indipendente Novaya Gazeta.

Muratov esprime la sue preoccupzioni anche in merito alle frasi di Putin sulla reazione russa in caso di interventi dall’estero. “Nelle mani il comandante in capo fa girare il “pulsante nucleare”, come un portachiavi di un’auto costosa”, ha scritto. “Il prossimo passo è un attacco nucleare? Non posso interpretare in altro modo le parole di Vladimir Putin sull’arma con cui avverrà la rappresaglia”.

Edizione in due lingue

La testata domani ha scelto di uscire con un numero bilingue in russo e in ucraino per esprimere la contrarietà all’invasione russa dell’Ucraina e in solidarietà all’ex repubblica sovietica.