Hearst lancia il ‘nuovo’ Cosmopolitan accelerando sul digitale

Condividi

Arriva domani in edicola il primo numero di Cosmopolitan che concretizza la profonda riflessione compiuta da Hearst su una generazione che per mezzi e modi di esprimersi è mutata e diventata profondamente diversa. Generazione per cui Cosmopolitan vuole essere punto di riferimento.

Così il sistema digitale di Cosmopolitan diventa un vero “manifesto” per il suo target facendosi portavoce di istanze e aspirazioni. Lo testimoniano – riporta una nota del gruppo – i dati di cosmopolitan.it che totalizza 3.3 milioni di utenti unici ( fonte G.A. dic 2021) e 4,2 milioni di sessioni (G.A. dic 2021), mentre sono 765.523 i followers dei social ( dic 2021) tra cui Instagram  segna + 58% vs dic 2020. Nel 2022 il progetto di accelerazione digitale di Hearst per cosmopolitan.it ha l’obiettivo dichiarato di portare una crescita significativa di utenti unici e sessioni.
 
Sotto la nuova direzione di Lavinia Farnese, Chief Editorial & Brand Officer, con Massimo Russo direttore responsabile e una redazione unica (print e digital) in gran parte under 30, il brand vuole essere – spiega ancora una nota – un generatore di valori contemporaneo, senza dimenticare di essere anche e soprattutto un luogo di incontri, una community. Per questo Cosmopolitan sarà sempre più “onlife”, spazio multipiattaforma virtuosa e circolare capace di veicolare contenuti originali e creare conversazioni che nascono sui social, si sviluppano sul sito e sul magazine, come live.

Lavinia Farnese


 
“Cosmopolitan è un brand Manifesto – spiega Lavinia Farnese – l’unico sul mercato a parlare alla fascia di età 20-30 e loro dintorni, rappresenta una generazione che come nessuna prima dì lei oggi rifiuta definizioni di sorta sulla propria pelle nel desiderio di compiersi davvero, di respirare libera. Il nostro target è fatto soprattutto di giovani donne, ma anche giovani uomini, nel cuore dell’età forse più sorprendente di tutte, quelle in cui più si sceglie chi essere, come vestirsi, truccarsi, curarsi, che musica ci piace, cosa consumare, dove viaggiare, con quali mezzi. A chi ispirarsi. Ragazze e ragazzi che amano – a volte detestando – la vita e le sue curve, lo sport, la musica, le passioni, ma allo stesso tempo ambiscono a un lavoro che non è più quello di ieri e anche su questo vogliono informarsi, oltre a questo divertirsi, preferendo alle etichette l’appartenenza, alla strada tracciata la corrispondenza. Hanno talento, e sanno anche impegnarsi nelle cause di buon senso, per questo gli diamo voce, oltre che storie e ispirazioni per avvicinarsi al sogno che ognuno dì loro ha di sé. Lo facciamo attraverso format e sguardi, punti di vista contemporanei dove l’estetica è etica e la forma sempre sostanza”.
 
Il nuovo numero che – si legge nell’editoriale – “nella cura della memoria, guarda avanti, sapendo che siamo ricerca e che il sogno è incoscienza e costruzione”- fa parte di un piano editoriale in cui la testata diventa un corpo unico con voce internazionale e cuore digitale: 6 numeri cartacei l’anno, format e serie social, eventi, visioni e progetti video che ogni giorno porteranno negli occhi di chi ci vive leggerezza e riflessione, sorpresa e bellezza. 


 
Le copertine saranno dedicate a personaggi italiani e non. La prima vede una Giulia Stabile, ballerina che ha dimostrato a tutti il potere della fragilità, in una versione poetica e sognante in conversazione con la content creator e scrittrice Sofia Viscardi su paure e forza di una generazione, mentre il servizio d’attualità moda ha per titolo “Gamer, un gioco da ragazze” per raccontare l’universo femminile delle streamer che si presenta anche in una serie di reel.
 
Il nuovo Cosmopolitan infatti crea produzioni web per Instagram e TikTok come “Cosmo Confidential”, uno spazio Reel che raccoglie le confessioni dei talent, da Angelina Jolie a Virginia Raffaele, “Amarsi un po’” sull’anti-fragilità, “Vita da Webstar”, o rubriche dissacranti come “Onlife”, di Ester Viola, e coraggiose come “Giudizi Universali”, in cui ogni volta un ospite diverso si diverte a ribaltare la noia dei luoghi comuni. Troviamo anche una posta del cuore unica come “Non m’intendo d’amore”, a firma della cantautrice Francesca Michelin: dentro si ride, si piange, si cresce.

Particolarmente significativo – conclude la nota – il progetto  #CosmoIAm, il laboratorio attivo sull’identità che con la cura dì Erika Brenna raggiunge gli studenti di Università e Accademie italiane, in un percorso che da adesso darà loro modo di raccontarsi e scoprire il proprio talento nelle forme del cortometraggio, della scrittura, dell’illustrazione, della fotografia e dell’opera d’arte, e a tutti noi di avere il mosaico vero di una generazione, una diapositiva di che cosa significa, di questi tempi, mettersi a fuoco, individuarsi, raggiungersi, non perdersi. 
 
 
Il lancio del nuovo numero di Cosmopolitan mette in campo, a partire da oggi, tutti gli strumenti digitali, reel, video teaser, stories, un fitto calendario di contributi su TikTok, e una campagna radio nel mese di marzo con spot su Radio Monte Carlo, Radio 105, Radio 101 e Radio Italia.