La metropolitana di Kiev (foto Ansa)

Ucraina, i social in aiuto degli utenti per mettere al sicuro i profili

Condividi

Fb e Twitter introducono misure per bloccare i profili e proteggersi dagli hacker

Anche i social prendono dei provvedimenti speciali in conseguenza alla guerra in Ucraina, per salvaguardare la sicurezza dei loro utenti nel Paese.

Meta, racconta Reuters, ha istituito un centro operativo speciale per monitorare il conflitto e ha lanciato una funzione che consente agli utenti ucraini di bloccare i propri profili sui social media per motivi di sicurezza. Con un click, ha spiegato Nathaniel Gleicher, head of security policy di Facebook, possono impedire a chi non fa parte dei loro contatti di scaricare foto dal profilo o vedere i post.
Twitter ha pubblicato suggerimenti su come proteggere i propri account dall’hacking, assicurarsi che i loro tweet siano privati e disattivare i loro account. La società ha twittato i suggerimenti sulla sicurezza in inglese, russo e ucraino.

Entrambe le piattaforme di social media sono spesso utilizzate da attivisti politici e ricercatori per diffondere informazioni durante i periodi di crisi. Quando il conflitto in Ucraina si è intensificato, gli utenti dei social media si sono rivolti a piattaforme come TikTok, Snapchat e Twitter per pubblicare video di aiuto all’evacuazion, ma anche proteste contro la guerra in Russia.