Matteo Del Fante (Foto Ansa)

PostePay acquista Lis da Igt. Del Fante: acceleriamo su pagamenti elettronici

Condividi

Accordo da 700 milioni per l’ex Lottomatica Italia Servizi. Closing previsto per il terzo trimestre 2022

Poste Italiane fa un altro passo nei pagamenti elettronici. Attraverso la controllata PostePay, la società guidata dall’ad Matteo Del Fante ha annunciato di aver firmato un accordo vincolante per l’acquisizione del 100% di LIS Holding (l’ex Lottomatica Italia Servizi) da International Game Technology per un corrispettivo totale di 700 milioni.

“L’acquisizione, spiega la nota che comunica l’operazioe, rafforzerà la presenza di Poste Italiane in un mercato in rapida crescita quale quello dei pagamenti, creando valore per l’azienda e per tutti gli stakeholders e marcando un ulteriore avanzamento nell’ambito della strategia omnicanale integrata di gruppo”.
L’operazione consolida poi la crescita di PostePay anche nel mercato dei pagamenti di prossimità, rafforzando i servizi di acquiring e i prodotti per pmi “in coerenza con la strategia omnicanale integrata al centro del piano ’24SI'”, il piano strategico al 2024 ‘Sustain & Innovate’ presentato a marzo 2021.

Del Fante: “pietra miliare”

“E’ una pietra miliare del nostro percorso finalizzato a creare un ecosistema di servizi integrati a beneficio di tutti i nostri clienti, con l’obiettivo di accelerare la transizione verso gli strumenti di pagamento elettronici e di aumentare il valore generato per gli stakeholders”, ha detto l’ad di Poste Italiane, Mateo Del Fante, a propostito dell’operazione. “PostePay, ha aggiunto, sta cavalcando trend favorevoli di mercato e cogliendo opportunità di crescita sia per linee interne che esterne. L’operazione fa leva su una relazione consolidata con uno dei nostri principali partners nella distribuzione di soluzioni nel mercato dei pagamenti di prossimità.”

I dettagli dell’operazione

Il corrispettivo dell’operazione è sulla base di un enterprise value di 630 milioni ed una cassa netta disponibile pari a 70 milioni. L’acquisizione verrà finanziata interamente con le risorse di cassa disponibili, grazie alla solida posizione di liquidità di Poste Italiane. Nel 2021 – indica una nota di Poste – Lis ha generato un fatturato lordo di circa 228 milioni ed un Ebitda di circa 40 milioni.

I consigli di amministrazione di Poste Italiane e PostePay hanno approvato l’operazione che, si specifica, rimane soggetta alle consuete condizioni di closing, tra cui l’ottenimento delle approvazioni regolamentari. Il closing della transazione è atteso entro il terzo trimestre del 2022.

Cos’è Lis

Attiva nel mercato italiano dei pagamenti di prossimità con una rete di circa 54mila punti di vendita convenzionati, Lis offre servizi, tra i quali il pagamento dei bollettini, carte di pagamento prepagate, ricariche di telefonia e vouchers ed altre soluzioni per esercenti ed imprese. Ha una piattaforma paytech proprietaria, “beneficiando di economie di scala, tecnologie e competenze”.

Lis nel 2021 ha generato circa 228 milioni di euro di ricavi lordi e circa 40 milioni di euro di Ebitda. IGT utilizzerà i proventi netti dell’operazione principalmente per ridurre il debito.

Fabio Cairoli (Foto Ansa)
Fabio Cairoli, ceo global Lottery (Foto Ansa)