Gianni Infantino e Aleksander Ceferin (Foto Ansa)

Russia fuori da mondiali e coppe: Fifa e Uefa sospendono nazionale e club

Condividi

Il calcio mette al bando la Russia. Con una decisione congiunta, Fifa e Uefa hanno deciso di sospendere da tutte le competizioni internazionali la nazionale di Mosca e tutti i club russi.
Per effetto di questa decisione, la Russia è attualmente esclusa dal Mondiale. A livello di club sarà invece escluso lo Spartak Mosca dalla Europa League, con il Lipsia che passerà direttamente ai quarti di finale della competizione.

Sospensione fino a “nuovo ordine”

Dopo le prime decisioni prese dalla confederazione mondiale e da quella europea del calcio, Fifa e Uefa “hanno deciso oggi, insieme, che tutte le squadre russe, sottolinea una nota congiunta, siano esse rappresentative nazionali o squadre di club, debbano essere sospese dalla partecipazione alle competizioni internazionali delle rispettive organizzazioni fino a nuovo ordine”.

“Il calcio – prosegue la nota – è pienamente unito in questo campo e in completa solidarieta’ con tutta la popolazione colpita in Ucraina. I due presidenti confidano che la situazione in Ucraina migliori in maniera significativa e rapida, cosi’ che il calcio posso tornare ad essere portatore di unità e pace tra la gente”.

Proteste dalla federcalcio Russa

La Federcalcio russa ha definito “discriminatoria” l’esclusione della sua nazionale dai Mondiali del 2022 in reazione all’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca. In un comunicato, si è detta “totalmente in disaccordo con la decisione”, ritenendo che la misura “avrà un effetto discriminatorio su un gran numero di atleti, allenatori, di club o nazionali”.

Superate le prime disposizioni

In mattinata la Fifa aveva disposto che la Russia giocasse le partite casalinghe in campo neutro, senza bandiera e senza inno, e non con il nome dello stato ma della federazione. Disposizioni che avevano incontrato il disappunto della federazione polacca che si era già rifiutata di disputare contro la Russia gli spareggi per i prossimi mondiali.
Anche la Uefa, nei giorni scorsi, aveva inizialmente stabilito match in campo neutro per le competizioni Europee.